"Tanti soldi spesi per tenere i pavimenti attaccati con lo scotch...". Lo scandalo, che indigna pazienti ed operatori sanitari, è al nuovo Pronto soccorso o "Medicina d'urgenza" dell'ospedale di Lanciano (Ch), che ha subito un lungo restyling. La pavimentazione dei corridoi, in alcuni punti, si presenta rigonfia e malconcia, sconnessa e sollevata in più punti, tanto che per scongiurare incidenti, qualcuno ha pensato di metterci il nastro adesivo per tenerla attaccata a terra ed evitare di inciamparci. A sollevare la questione è Marcello Rovetto, ex capogruppo di Progetto Lanciano e candidato alle ultime elezioni amministrative di Lanciano con Tonia Paolucci (Libertà in azione), che, sui social, commentando le eloquenti foto di Andrea Franco Colacioppo, tuona: "Quel pavimento, pagato con soldi pubblici, non può e non deve restare in queste condizioni. Non ci sono scuse, non ci sono giustificazioni. Se c'è stato un problema, non importa quale, non si va a comprare lo scotch ma si fanno solo due telefonate in rapida successione: una all'impresa e l'altra all'avvocato. Per finire una cortesia: si eviti di sbandierare ai quattro venti la costruzione di nuovi ospedali. Al popolo basta anche solo un pavimento fatto a regola d'arte e che duri più di due mesi". L'assessore regionale alla Sanità, Silvio Paolucci, parlò di questi lavori, fatti a più riprese, come "pezzo forte di un percorso che segna l'inizio di un modo diverso di prestare assistenza". Gli interventi di ristrutturazione sono costati un milione 328 mila euro, a cui sono stati aggiunti altri 250 mila euro di fondi della Asl Lanciano Chieti Vasto per la sistemazione esterna e lavori di collegamento degli impianti.
07 agosto 2018

@RIPRODUZIONE VIETATA
totale visualizzazioni: 7678

Condividi l'Articolo

Articoli correlati