Lanciano. Ancora critiche le condizioni del giovane precipitato dal tetto di San Pietro
GUARDA LE FOTO

Trauma cranico, fratture scomposte a livello toracico, ustioni e lacerazioni alla testa, probabilmente per la fiamma ossidrica che stava utilizzando poco prima della caduta. Sono ancora critiche le condizioni di salute di Giuseppe B., 39 anni, di Castel Frentano (Ch), che sabato pomeriggio intorno alle 14.30 è precipitato, da circa 4 metri di altezza, dal tetto dell'ufficio parrocchiale della chiesa di San Pietro a Lanciano (Ch) in viale Cappuccini. L’uomo è ancora in Rianimazione, in prognosi riservata, ed è monitorato 24 ore su 24 per scongiurare la formazione di edemi a causa del grave trauma cranico.

Il giovane stava effettuando lavori sul tetto quando, nella sistemazione della guaina catramata, secondo le informazioni raccolte dalla polizia, è caduto. Lo hanno trovato, privo di sensi, nel piazzale interno, in prossimità dei gradini di accesso agli ex uffici della Caritas parrocchiale, ora chiusa. A terra stracci e macchie di sangue.

Sul posto è intervenuta prontamente un'ambulanza del 118 che ha trasportato il lavoratore, in codice rosso, quindi in gravi condizioni,  prima all’ospedale civile “Renzetti” di Lanciano. Quindi il trasferimento al Neurochirurgico “Santo Spirito” di Pescara.

Durante le operazioni di soccorso è intervenuto anche il parroco don Gregorio Lydek, 40 anni, dal settembre 2019 alla guida della parrocchia più grande della diocesi di Lanciano-Ortona.

Nel piazzale interno del santuario  sono stati trovati una scala di alluminio, poggiata sul muro, e un bruciatore a gas, di quelli utilizzati per “giuntare” i fogli di carta catramata. Sul posto sono intervenuti dapprima i carabinieri e poi la polizia, che è stata per più di tre ore a effettuare rilievi con la Scientifica e a visionare e prelevare le immagini delle quattro telecamere posizionate nell’area. Filmati dai quali si ipotizza potrebbero ricavarsi informazioni sulle cause dell’infortunio, anche per capire chi ha commissionato le riparazioni sul tetto. Lunedì mattina la polizia ha effettuato un nuovo sopralluogo.

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 5546

Condividi l'Articolo