Lanciano. Aggredì agenti polizia municipale: prof condannata

Pattuglia della polizia municipale aggredita: arriva la condanna per una docente di Lanciano (Ch). Prima arrestata, e posta ai domiciliari, e ora nove mesi di reclusione, pena sospesa, per la professoressa che il 7 luglio 2016 reagì con violenza contro due vigili urbani che volevano confiscarle la moto 125cc priva di assicurazione.

Quel giorno l’insegnante di educazione fisica Va. D’A., 53 anni, scese in strada dal suo appartamento di via Milano e reagì, in malo modo, contro il maresciallo maggiore Antonio Tenaglia che venne investito e colpito al ginocchio, con lesione del menisco, e l’agente Pamela Masciangelo strattonata, con lesioni alla spalla destra: prognosi 10 e 15 giorni.

Al processo, il pm d’udienza Delfina Conventi aveva chiesto la pena a sei mesi per resistenza, violenza e lesioni aggravate a pubblico ufficiale. Il giudice Andrea Belli ha inoltre condannato l’imputata a risarcire le parti civili, patrocinate dagli avvocati Antonino Cerella e Roberto Bianco, da liquidarsi in separata sede. La professoressa ha sempre sostenuto che erano stati i vigili ad essere stati arroganti e arbitrari. La difesa ha preannunciato Appello.

Walter Berghella

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 4877

Condividi l'Articolo