Abruzzo. Due alpinisti feriti sul Gran Sasso: uno è grave. Otto morti nel 2019
GUARDA LE FOTO

Incidente di montagna in Abruzzo. Due alpinisti romani sono rimasti coinvolti in un incidente alla base del sentiero Ventricini nella zona nord occidentale del Corno Piccolo sul Gran Sasso.

Uno è precipitato per circa 100 metri mentre salivano il Canale del Tesoro Nascosto. E' grave ed è stato portato, in stato di incoscienza, con l'eliambulanza, all'ospedale dell'Aquila. Si tratta di Renato Sforza, 49 anni, che ha numerose fratture ed è in prognosi riservata. L'amico, Simone Franceschini, 30 anni, collega di cordata, ha riportato ferite più lievi, è in discrete condizioni: lui si trovava ancora appeso in parete quando è scattata l'emergenza. E' stato lui a lanciare l'allarme col cellulare. 

Sul posto sono intervenuti diversi elicotteri del 118 di Teramo e fli uomini del Soccorso alpino e speleologico. Il Corno Piccolo è meta di scalatori e arrampicatori da tutto il mondo per la bellezza dei suoi scenari e la complessità delle sue vie di ascesa.

Tutto mentre si tirano le somme  del 2019, che sarà ricordato come un "annus horribilis" per le morti in montagna nella nostra regione: in otto vi hanno infatti perso la vita; si tratta di un numero che raddoppia la media dei decessi in montagna registrati negli ultimi dieci anni.

 Il primo decesso è quello dell'imprenditore aquilano Giuseppe Ioannucci, 48 anni, morto il 25 aprile scorso sul Gran Sasso per un malore che lo ha colpito mentre con la tavola da sci stava tornando a valle dopo un un'escursione. Il primo dicembre è stato ritrovato morto il 37enne di Città Sant'Angelo (Pescara), Matteo Martellini, disperso da venerdì 29 novembre e deceduto per una caduta in un canalone sul versante sud ovest del monte Camicia; lo stesso giorno sono morti Gianpiero Brasile, 58 anni, di Lanciano (Chieti), e Antonio Muscedere (55), originario di Sora e residente a Posta Fibreno (Frosinone). L'incidente era avvenuto in località Rava della Vespa, a 2.500 metri di quota, all'interno del Parco nazionale della Majella. Erano scivolati in quattro: due erano riusciti a tenersi, gli altri erano precipitati in un dirupo e per loro non c’era stato nulla da fare. L'allarme era stato lanciato dai sopravvissuti che erano riusciti ad aggrapparsi a qualche arbusto e a raggiungere poi i compagni precipitati. I sei escursionisti, tutti di località diverse ed esperti di montagna, avevano organizzato sui social la passeggiata in montagna.

Il 2 dicembre è stato trovato morto l'escursionista che era disperso sul versante aquilano della Majella: si tratta di un carabiniere di Sulmona, in servizio a Castel di Sangro (L'Aquila), Fabio Cicone, di 51 anni. Nel giorno di Natale Franca Di Donato, 49 anni, di Roseto (Teramo), è stata travolta da una slavina, a circa 2.500 metri di altitudine: la donna, che aveva deciso di raggiungere il Corno Grande del Gran Sasso, è stata ritrovata il giorno dopo. Proprio a Santo Stefano hanno perso la vita anche due giovani alpinisti, Ryszard Barone, 25 anni, e Andrea Antonucci (28), entrambi di Corfinio (L'Aquila), mentre tentavano di raggiungere la vetta del Gran Sasso sul versante orientale, scivolati e precipitati a valle per un migliaio di metri.

@RIPRODUZIONE VIETATA

La foto con la croce è stata presa dalla pagina Facebook di Franca Di Donato, una delle vittime. Nell'altra immagine i due escursionisti romani

totale visualizzazioni: 2266

Condividi l'Articolo