Incidente mortale sul lavoro ad Ortona: 49enne imprenditore di Atessa schiacciato all'ex Molino Alimonti

E' stato ucciso dal camion con cui era arrivato nello stabilimento alimentare per caricare farina.

Incidente mortale sul lavoro, questa mattina, all'azienda ex Molino Alimonti, ora del gruppo Casillo, ad Ortona (Ch).

Massimo Carbonetti, 49 anni, imprenditore originario di Tornareccio (Ch) ma che risiedeva ad Atessa (Ch), è rimasto schiacciato contro la cabina del mezzo pesante con cui stava lavorando. Era intento a riagganciare il rimorchio alla motrice ma, per ragioni attualmente al vaglio della magistratura, non c'è riuscito.

Ad un certo momento, il rimorchio, che era in pendenza, si è mosso e lui è stato ammazzato. Pare che i freni di sicurezza non fossero stati inseriti. Inutile l'intervento del 118, con l'elicottero che si è levato in volo da Pescara. Vano ogni tentativo di soccorso: il decesso è stato quasi immediato. Sono intervenuti anche i vigili del fuoco. Indagano i carabinieri di Ortona (Ch), guidati dal tenente Pasquale Striano. 

L'uomo era titolare di una ditta di autotrasporti. E infatti il mezzo che ha causato il dramma era di sua proprietà; sul posto ce n'era anche un altro in quel momento. "Era molto conosciuto e benvoluto - dice, ad Abruzzolive.tv, il sindaco di Tornareccio, Nicola Iannone -. I suoi genitori vivono qui. Una vera tragedia. Porgo le condoglianze mie e della comunità a tutta la famiglia". La vittima, a Monte Marcone di Atessa, aveva gestito un'enoteca; a Tornareccio invece una pizzeria. 

Lascia la moglie Simona Lusi, che l'aiutava a portare avanti l'attività;  la mamma Maria, il papà Ignazio e la sorella Marta. 21 apr. 2023

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 10651

Condividi l'Articolo