In ricordo del pittore Umberto Ranieri, performance e spettacoli. 'E intanto gli assassini sono liberi'
GUARDA LE FOTO

Gli hanno dedicato una performance con installazioni interattive, nel giorno in cui, il 12 aprile, quella performance avrebbe dovuto portarla in scena lui che, invece, il 17 marzo scorso è stato ferocemente aggredito a Roma dove è morto, il 20 marzo, in Rianimazione, per le terribili lesioni alla testa. Gli amici hanno voluto ricordare così Umberto Ranieri, in arte Nniet Brovdi, pittore, di 55 anni, originario di Paglieta (Ch) e ucciso nella capitale, dove viveva da decenni.

La performance, a cura di Benedetta Dosa, tenuta al Macro Museo di Roma, all'interno del progetto "Oltre - diario di un presunto fallimento" e dal titolo "Don't cry for me, I like your smile", ha visto all'opera gli artisti Kristien De Neve, Laura Della Gatta e Salvatore Travascio, che si sono confrontati "sulla intricata rete di relazioni sulla quale la nostra società si costruisce", "sugli ostacoli del vivere comune", su "dissonanze e armonie e modalità relazionali contrapposte, sullo “sforzo umano di andare oltre". Un progetto a cui anche Ranieri stava partecipando, con il suo "My holy dirty book (Noli me tangere)", "ma poi – ricordano gli amici – è stato vittima di un inspiegabile e violento attacco da parte di un gruppo di ragazzi. E' stato trasportato all'ospedale San Giovanni in gravissime condizioni". Dopo essere stato trovato, in largo Preneste, in una pozza di sangue e col cranio sfondato. "I colpevoli dell'accaduto – aggiungono gli amici – sono ancora sconosciuti e le ragioni del brutale gesto sono avvolte nel mistero. La sua scomparsa è una tragica perdita, che rimane incomprensibile".

Per ciò hanno voluto "celebrare il suo lavoro, in memoria dell'amico e performer...". Per l'occasione sono state esposte  opere pittoriche, stampe, installazioni, ed è stata proiettata una selezione dei suoi video. Ci sono stati anche i suoi versi a far presa sui visitatori. Nell'evento è stato coinvolto il pubblico, tra cui c'erano i familiari di Ranieri, arrivati appositamente. 

"E' stata una sofferenza immane – racconta la zia, Maria Addolorata Ranieri – recarmi alla mostra e sapere che mio nipote non sarebbe stato lì presente. E intanto gli assassini sono ancora liberi. Quando è nato mio nipote - rammenta - io avevo 5 anni e andavo all'asilo. Me lo mettevano in braccio in fasce e la sera, prima di andare a dormire, gli davo il decottino di malva. Siamo cresciuti come fratello e sorella. Ero il suo punto di riferimento, e anche lui lo era per me". A lei ha fatto l'ultima chiamata, annunciando che usciva per una passeggiata, prima che venisse ammazzato.

Anche a Lanciano, nei locali della Casa di conversazione, il 6 aprile, c'è stato uno spettacolo dedicato a lui, dal titolo "Pallotte",  di e con Stefano Di Matteo e Gabriele Tinari, a cui Ranieri è stato sempre molto legato, anche professionalmente. Le musiche sono state composte da Carlo Pellicciaro. 

".. La mia fragilità è la mia forza – scriveva Nniet Brovdi nella poesia "Siamo così belli... Possiamo esserlo di più" -. La mia oscurità è la mia forza/che cerca una possibile luce. Torno a casa./Una casa ce l'ho/ Qui, Lì, in questo luogo/in quel luogo. Non importa./Nella mia casa dove c'è il silenzio e la speranza della fine dell'inverno/Io posso coltivare i fiori della pazienza... Dimenticare i luoghi. Io non vivo più qui. Questo è un passaggio...".

Serena Giannico

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 1014

Condividi l'Articolo

Articoli correlati