E' un insegnante di Lanciano l'uomo trovato morto a San Vito

E' un insegnante di lingue di Lanciano (Ch), l'uomo trovato senza vita a San Vito (Ch). Si tratta di Riccardo Iannucci, 45 anni, che è stato, docente di spagnolo all'istituto "De Titta-Fermi" di Lanciano e in precedenza alla scuola media "Umberto I"  sempre in città. L'uomo è stato identificato dalle forze dell'ordine ieri sera, quando i familiari della vittima hanno segnalato il suo mancato rientro a casa.

Il corpo è stato notato, intorno alle 6 di ieri, nella scarpata boscosa sotto il belvedere che costeggia la strada d'ingresso al centro di San Vito, da un podista. Che all'inizio ha pensato che il giovane disteso lì, tra i cespugli, dormisse. Poi si è reso conto che si trattava di un decesso e ha lanciato l'allarme. Sul posto un'ambulanza del 118, che non è servita, e i carabinieri della compagnia di Ortona. 

Sarà comunque l'autopsia, già fissata dalla Procura di Lanciano (Ch, che ha aperto un fascicolo contro ignoti, a far luce sulle cause della morte. La prima ispezione cadaverica ha riscontrato un esteso edema polmonare, con sangue fuoriuscito anche da bocca e naso. Sul corpo non sono stati  particolari segni di traumi o violenza, ma solo escoriazioni alle gambe dovute ai rovi presenti sul posto. Le indagini debbono chiarire anche che ci facesse Iannucci in quel posto, per di più seminudo. 

Il professore aveva studiato all'Università per stranieri di Perugia. "Non è possibile che non ci sei più. Se ne va con te una persona che era la quintessenza della vita. Un abbraccio ai tuoi cari e una preghiera per te", scrive sul suo profilo Facebook un'amica. 

"No, non ci credo! Era  pieno di progetti, era tornato tempo fa anche  in Spagna per migliorare ancor più la lingua. Era attivo, brillante... Aveva il desiderio di insegnare anche all'estero. Adesso sono sconvolta!", dice una collega. 

@RIPRODUZIONE VIETATA

Nella foto Iannucci

totale visualizzazioni: 10714

Condividi l'Articolo