E dopo la luce, staccato il gas. Di nuovo chiuso il centro sportivo 'Le Gemelle' a Lanciano
GUARDA LE FOTO

Aveva riaperto il 30 marzo scorso il centro sportivo "Le Gemelle" a Lanciano (Ch), situato nel quartiere Santa Rita. Aveva riaperto dopo che, il 27 marzo, era stato chiuso perché erano stati sigillati i contatori della luce, dato che la società che gestisce l’impianto, che è di proprietà del Comune, non aveva pagato le bollette dell'energia elettrica. In precedenza, il 22 marzo, cancelli sbarrati a seguito dello sciopero dei dipendenti, che non percepivano gli stipendi. Il 27 marzo, nel pieno della bagarre, c'è stato un incontro, in municipio, tra il sindaco Mario Pupillo;  l'assessore alla Sport, Davide Caporale; l'amministratore unico di "Sportlife Srl", la società che gestisce il centro sportivo, Vincenzo Serraiocco e l'amministratore unico di "Sport Investments Srl", Livio Di Bartolomeo. "Mi è stato comunicato -  ha spiegato il  primo cittadino di Lanciano in una nota - che a partire da venerdì 29 marzo le attività riprenderanno regolarmente. Contestualmente, il gestore si è impegnato a soddisfare nel breve le spettanze arretrate dovute ai lavoratori e a garantire la continuità di un servizio di eccellenza per l'intero comprensorio". Chiacchiere...

Alle promesse non sono seguiti i fatti se, nel pomeriggio di oggi - erano circa le 18 - ad un certo punto è mancato il gas. Docce e piscine non riscaldate e lamentele. E i dipendenti hanno scoperto che era stato sigillato, stavolta, il contatore del gas, per mancati pagamenti. Il complesso sportivo era pieno: di ragazzini che stavano facendo nuoto, di abbonati arrivati per  predere lezioni o per allenamenti liberi. Docce ghiacciate, ambienti freddi ed acqua gelata: tutti fuori, nell'ennesima emergenza. Proteste e mugugni. "La misura è davvero colma...", hanno detto in tanti.

@RIPRODUZIONE VIETATA

Nella foto il contatore sigillato

totale visualizzazioni: 2514

Condividi l'Articolo