Si è presentata dai carabinieri di Offida (Ascoli Piceno) e ha denunciato il compagno, raccontando ai militari come l'uomo la minacciasse di morte e di come fosse spaventata anche a fronte del fatto che quest'ultimo fosse in possesso di una pistola. Ma in manette, per quella pistola, è finita la presunta amante dell'uomo, una 22enne residente a Corropoli (Te), che dopo la convalida dell'arresto per detenzione di arma clandestina è tornata in libertà. L'11 gennaio la donna, che ha chiesto di patteggiare, comparirà di nuovo davanti al giudice. 

La vittima delle minacce di morte aveva raccontato ai militari di come il compagno avesse un'amante, dicendo loro che probabilmente in quel momento lui si trovava proprio a casa di lei. Così i carabinieri hanno immediatamente allertato i colleghi del comune abruzzese, che sono riusciti a rintracciare la presunta amante, a casa della quale hanno rinvenuto e sequestrato, nascosta in camera da letto, una pistola calibro 6.35, fabbricata in Europa dell'Est, con caricatore e 11 proiettili. Pistola che gli investigatori non escludono possa appartenere all'uomo. E così per la donna è scattato l'arresto mentre per l'uomo, al momento irreperibile, la denuncia sempre per detenzione di arma clandestina.
03 dicembe 2018

@RIPRODUZIONE VIETATA
totale visualizzazioni: 495

Condividi l'Articolo

Articoli correlati