Coronavirus. In tre a fare snowboard sulla Majelletta, fuori comune:  mega multe

Si sono avventurati sulla Majelletta, ieri, quando vigeva la "zona arancione". Erano in tre e il divertimento sulla neve è finito in malo modo... Con una maxi multa, perché, snobbando le norme in materia di coronavirus, erano fuori comune.

I ragazzi, di Città Sant’Angelo (Pescara), in pieno divieto Covid, con l'auto sono arrivati in montagna, convinti di godersi una giornata di discese con la tavola. Dunque muniti di snowboard, hanno posteggiato lungo la strada che dalle piste da sci, chiuse, di Passo Lanciano, porta ad un albergo della zona e da lì hanno iniziato le "scorribande". Come impianto di risalita hanno utilizzto un ingegnoso stratagemma: hanno fatto l’autostop, chiedendo passaggi alle macchine in transito.

E' andata bene finché, sul posto, non si è abbattuta una tempesta di neve, tanto da interrompere i piani dei giovani e da farli restare bloccati: a quel punto sono stati costretti a chiedere aiuto ad un signore del posto, il quale ha allertato i carabinieri della stazione di Rapino (Ch) che si trovavano in zona.

La bravata è costata 280 euro, in quanto passeggero, ad uno degli amici; per altri due la sanzione è stata di 533 euro, in quanto commessa alla guida di autovetture. 

Un episodio simile è accaduto anche il 24 dicembre, alla vigilia di Natale, in piena "zona rossa". Due ragazzi di Pescara, di 18 e 17 anni, sono giunti sulla Majella nonostante il brutto tempo e soprattuto non curandosi delle restrizioni anti-Covid che impongono di non lasciare il proprio comune di residenza.

In macchina sono arrivati al rifugio Pomilio, nel comune di Rapino, a quasi 2mila metri. C'è stata una improvvisa forte nevicata che ha reso la strada impraticabile e che ha bloccato il mezzo. A quel punto sono stati costretti ad allertare i soccorsi. L'intervento dei vigili del fuoco di Chieti ha liberato l'automobile impantanata. Identificati dai carabinieri forestali di Fara Filiorum Petri (Ch), ai due è stata comminata una multa di 533 euro ciascuno.

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 1566

Condividi l'Articolo