Coronavirus. Provincia Chieti. Più controlli nei locali pubblici e all'aperto. Movida osservata speciale

Sull'emergenza coronavirus torna a riunirsi, in Prefettura a Chieti, il Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica. Incontro tenuto oggi e a cui è stato presente anche il direttore della Asl, Thomas Schael.

Alla fine del summit si è deciso di rafforzare i servizi di vigilanza sul territorio, per far rispettare le misure anticontagio imposte dal Governo. Controlli maggiori, quindi, scatteranno, da subito, nei locali e nei luoghi pubblici, anche per scongiurare assembramenti. E la movida diventa osservata speciale. 

Intanto sono tre, al momento, gli studenti positivi al Covid-19 in provincia, come rende noto la Asl. Un caso è stato registrato al Liceo di scienze umane del polo scolastico "Pantini-Pudente" di Vasto, un secondo all'istituto "Galiani-De Sterlich" di Chieti e uno all’Istituto Nautico di Ortona, un ragazzo di prima residente a Chieti, città dove i positivi sono saliti a 13.

L'alunno potrebbe aver preso il virus in famiglia dove sono stati riscontrati altri contagi. Dopo la scoperta sono scattate le misure di prevenzione: i genitori dei suoi compagni sono stati convocati a scuola per accompagnare i figli, tutti minorenni, a sottoporsi a test al drive in dell'ospedale Bernabeo, dove si è formata una fila incredibile di auto, tanto da richiedere l’intervento di carabinieri e polizia per disciplinare il traffico. I ragazzi saranno in isolamento per 14 giorni.

Un gran lavoro, in questi giorni, per il dipartimento Prevenzione della Asl Lanciano Vasto Chieti, diretto da Giuseppe Torzi, e in particolare per la referente Covid scuole, Donatella Belfatto, impegnati, appunto, nella ricostruzione della catena dei contatti avuti dai ragazzi che sono risultati positivi ai tamponi.

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 1160

Condividi l'Articolo