Coronavirus. Primo caso a Paglieta; 176 infetti in Abruzzo. Blocco ricoveri ad Atessa e Ortona

E' stato registrato il primo caso di Coronavirus nel comune di Paglieta (Ch). A darne notizia, sui social e sul sito del Comune, il sindaco Ernesto Graziani. 

"Sono stato informato dalle autorità sanitarie - scrive - di un cittadino di Paglieta risultato positivo al test del Covid 19. In ottemperanza alla normativa sulla privacy, non verranno divulgati i suoi dati personali". Si tratta di una donna, ricoverata in ospedale per altre patologie. 

"Le autorità sanitarie - prosegue - hanno predisposto tutte le misure necessarie ed attivato i protocolli previsti, con il ricovero del paziente presso idonea struttura e l'attivazione delle misure necessarie per la ricerca dei "contatti diretti". Rinnovo l'invito a rispettare le regole imposte dalla Presidenza del Consiglio dei ministri e dalle autorità sanitarie competenti. Vi esorto, pertanto, a limitare le vostre uscite esclusivamente per motivi di lavoro, situazioni di necessità inderogabili e per motivi di salute. Solo così si potrà fermare il contagio".

In Abruzzo, invece, finora sono stati registrati 176 casi positivi al Covid 19, diagnosticati dai test eseguiti nel laboratorio di riferimento regionale di Pescara. Lo comunica il Servizio Prevenzione e Tutela della Salute della Regione. 

📌 71 malati sono ricoverati in ospedale in terapia non intensiva, 37 in terapia intensiva, mentre gli altri 57 sono in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte delle Asl.

📌 Nel numero dei casi positivi sono compresi anche quattro pazienti deceduti (spetterà in ogni caso all’Istituto superiore di sanità attribuire le morti al Coronavirus, in quanto già affetti da patologie pregresse), 7 guariti.

📌 Il laboratorio di Pescara ha finora eseguito 1533 test, di cui 897 negativi. Dei casi positivi, 18 si riferiscono alla Asl Avezzano Sulmona L’Aquila, 38 alla Asl Lanciano Vasto Chieti, 101 alla Asl di Pescara e 19 alla Asl di Teramo. Va precisato che il numero elevato di casi registrati a Pescara è anche legato al fatto che al Santo Spirito accedono pazienti provenienti anche da altre aree della regione.

Intanto da stasera, dice una nota della Asl Lanciano Vasto Chieti, "non potranno più essere fatti ricoveri di pazienti in area medica presso gli ospedali di Ortona e Atessa. Il provvedimento è scattato a seguito delle misure straordinarie di riorganizzazione adottate dalla direzione per fronteggiare l'emergenza". 

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 7568

Condividi l'Articolo