Coronavirus. Primi sedici pazienti Covid all'ospedale di Atessa
GUARDA LE FOTO

I primi pazienti sono stati trasferiti oggi pomeriggio, dalle 16. "Ciao a tutti", ha detto, arrivando al Covid Hospital di Atessa, la prima malata di Coronavirus portata da Chieti, seguita da un altro che ha aggiunto: "E mi raccomando, adesso curateci bene!"

Ad accoglierli c'era un nutrito gruppo di infermieri e medici che hanno atteso all'ingresso l'arrivo dei mezzi, ambulanze per i malati più fragili e un pulmino per altri cinque in via di guarigione. Complessivamente sono 16 i pazienti giunti oggi nel presidio sangrino.

"I trasferimenti da Chieti saranno costanti - sottolinea Francesco Cipollone, direttore del dipartimento di Medicina della Asl Lanciano Vasto Chieti, presente anch'egli stasera ad Atessa -. Man mano che i pazienti avranno necessità di un regime assistenziale a minore intensità arriveranno qui. Con i medici che sono sul posto avremo un contatto costante, per seguire al meglio l'evoluzione del quadro clinico". Questa differenziazione del setting assistenziale permette di lasciare liberi a Chieti posti letto per contagiati che richiedono cure di maggiore complessità.

Al momento ad Atessa sono stati assegnati 15 infermieri, 9 operatori socio sanitari e 13 medici, ma la dotazione di personale sarà ampliata proporzionalmente al numero dei ricoverati.

Intanto il direttore generale Asl, Thomas Schael, ha disposto l'acquisto della Tac 64 strati, accantonando l'ipotesi iniziale di un noleggio: "Desidero che una tecnologia così evoluta resti un investimento per il territorio, che, a emergenza finita, rappresenterà per tutti una grande opportunità di diagnostica avanzata".

"Da parte dell’amministrazione comunale - scrive su Facebook il sindaco di Atessa, Giulio Borrelli - l’augurio di una pronta guarigione e un sentito ringraziamento ai medici, agli infermieri, a tutti coloro che lavoreranno presso il nostro ospedale in questo difficile momento". 

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 2251

Condividi l'Articolo