Coronavirus. Pescara. Digos blocca raduno 'no mask'

Stava per andare in scena anche a Pescara una delle tante manifestazioni di protesta indette, per sabato scorso, in Italia nell’ambito del World Wide Price for Freedom, i cui aderenti ritengono che lo stato di emergenza proclamato dal Governo, a causa della pandemia da coronavirus, abbia portato all’adozione di disposizioni lesive dei diritti dei cittadini, con restrizioni delle libertà personali inaccettabili e che non troverebbero giustificazione neppure nel principio di tutela della salute pubblica.

A Pescara l’iniziativa è stata bloccata dalla polizia. Attraverso i social network, per mezzogiorno, senza preavvisare, come è d’obbligo, l’autorità di Pubblica sicurezza, era stato organizzato un raduno in Largo Mediterraneo – Nave di Cascella, con oltre 100 adesioni. Il servizio di prevenzione del Covid-19 predisposto dal questore Luigi Liguori e svolto dalla Digos, ha consentito di  individuare e identificare, sul posto, il promotore locale della manifestazione e i primi partecipanti, alcuni dei quali sanzionati perché sprovvisti di mascherina e fortemente resistenti ad indossarla.

Questa attività ha dissuaso tutti gli altri, determinando nelle persone presenti e in quelle che stavano per raggiungere la piazza, la scelta di non porre in essere la contestazione. 

Inoltre un pakistano di 24 anni è stato denunciato dagli agenti della Polfer per aver minacciato un incaricato alla misurazione della temperatura corporea all’ingresso della stazione ferroviaria di Pescara. L’extracomunitario ha tentato di sottrarsi al controllo e ha minacciato l’addetto di tagliargli la gola con un coccio di bottiglia che brandiva in una mano.  22 mar. 2021

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 831

Condividi l'Articolo