Coronavirus. Scampagnate e bevute: multe e locali chiusi in diversi centri del Chietino

Quattro bar multati e chiusi a Ortona, Tollo, Sant’Eusanio del Sangro e Chieti Scalo,  e quasi 30 multe per violazione delle norme anti pandemia Covid–19.

I carabinieri delle compagnie di Lanciano, Ortona e Chieti non fanno sconti per nessuno, ma intanto c’è chi continua a fare orecchi da mercante sul rispetto delle stringenti regole decise da Governo e Regione Abruzzo. Disarmanti pure le giustificazioni dei contravvenzionati, come nel caso di un giovane di 28 anni, di Ortona (Ch), "zona rossa", che lasciata la sua bella città balneare ha deciso di andare a respirare aria fresca in montagna. Bloccato dai carabinieri di Rapino, ha spiegato: "Volevo farmi un giro". E giù 400 euro di multa mentre faceva una pausa di ristoro ad una fontana, vicino a un ristorante.

I soli carabinieri frentani, coordinati dal maggiore Vincenzo Orlando, hanno comminato 11 contravvenzioni tanto a Lanciano, altra "zona rossa", che in altri comuni del territorio, entroterra compreso. "Purtroppo – chiarisce Orlando - non accennano a diminuire coloro che non rispettano i divieti imposti". In molti si sono recati pure nei boschi e in zone collinari convinti di poter evitare controlli. Così non è stato, pur di fronte a banali frottole, come le citate “situazioni di necessità”, o la scusa di portare il cane a spasso "ad eccessiva distanza dalla propria abitazione". Nella raffica di verifiche sono incappate  in 11, con sanzioni totali di 5 mila euro. A Lanciano tre giovani, tra i 20 e 30 anni, sono stati beccati in giro oltre le 22 nonostante il  lockdown imposto. A Palena poi altri due 22enni sono stati multati alle 23 mentre erano nel giardino pubblico, mentre a Sant’Eusanio del Sangro il titolare di un bar è stato sanzionato e segnalato al prefetto per la sospensione della licenza perché ha permesso la consumazione di bevande a cinque clienti assembrati nelle vicinanze. "Nell’approssimarsi della Pasqua – avverte il maggiore Orlando – i controlli proseguiranno a tappeto per tutelare la salute di tutti i cittadini".

Scure calata pure dai carabinieri ortonesi, diretti dal capitano Luigi Grella, che hanno sanzionato il titolare di un bar centrale di Tollo dove diversi clienti erano serviti al bancone e non indossavano le mascherine; multe pure per loro oltre che chiusura temporanea del locale, come è avvenuto anche in una frazione di Ortona, per le stesse identiche modalità comportamentali. Multa pure a un giovane di Torino di Sangro che era zonzo senza una plausibile ragione. Carabinieri impegnati in paese pure per sedare una lite tra vicini.

Infine multe e un bar chiuso anche a Chieti Scalo dove vari avventori erano attorno a dei tavolini a consumare cibi e bevande. Altri 5 sono stati sanzionati per essersi spostati indebitamente dal comune di residenza, tra questi due stranieri che da Ortona hanno fatto una capatina a Chieti Scalo. 16 mar. 2021

Walter Berghella

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 2480

Condividi l'Articolo