Coronavirus. Ospedale Lanciano. Altri infermieri contagiati in Utic. Riaperta Ortopedia

Ci sono altri operatori sanitari positivi al Coronavirus nel reparto Utic/Ortopedia di Lanciano (Ch). Complessivamente sono tre quindi i casi di contagio: due infermiere e una operatrice socio-sanitario.

E' sempre alta quindi l'attenzione sull'ospedale "Renzetti". Ad Utic, nei giorni scorsi, è deceduto Giuseppe De Simone, 88 anni, di Fossacesia (Ch), trasferito da Medicina, dove erano già stati infettati due medici, sei infermieri e sei degenti. In Medicina, i malati, che erano 18 in tutto, sono stati portati in strutture Covid e non, e l'area è stata chiusa. Per lasciar spazio alla sanificazione degli ambienti. Francesco Taglieri, vice presidente della Commissionre regionale alla Sanità, vista la situazione che si è creata in Utic, ha sollecitato il direttore sanitario, Angelo Muraglia, fresco di nomina, a procedere alla disinfezione anche di quest'ulteriore reparto.

Conclusi gli interventi di bonifica, è stata invece, oggi, riaperta Ortopedia. Blindata dopo che erano stati contagiati una decina di degenti, tre medici e infermieri e operatori socio-sanitari. Il reparto, del primario Enrico Marvi, si rimette in moto dopo uno stop forzato e doveroso. Qui il primo caso di Coronavirus è stato scoperto l'8 marzo nella paziente Mariantonia De Quinque, 92 anni, di Casoli, in seguito deceduta a Chieti. Morta pure un'altra donna ricoverata, Nella Cimini, 85 anni, di Paglieta (Ch). Nelle prossime ore ripartono interventi chirugici e controlli post operazioni. Anche se, adesso, in via precauzionale, in ogni stanza ci sarà un solo paziente.

Dando uno sguardo alla città invece... A Lanciano ci sono 29 infetti e una 80 di persone in quarantena. 

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 5031

Condividi l'Articolo