Coronavirus. Lanciano. 'Si tiri su la mascherina...'. E nel centro commerciale volano pugni

Noncurante delle norme anti Covid e dei vari Dpcm, si è presentato alla cassa dei grandi magazzini con la mascherina abbassata. E quando gli è stato detto: "Se la tiri su... ", è successo il putiferio.

Botte ieri pomeriggio, intorno alle 15, a Lanciano (Ch), nel supermercato "Conad" all'interno del centro commerciale "Lanciano", conosciuto da tutti come "Pianeta". In fila alla cassa c'era, tra gli altri, P.L., 47 anni, di Lanciano che, sì, aveva la mascherina infilata, ma ce l'aveva abbassata, non gli copriva il viso. Quando è arrivato il suo turno per pagare gli alimenti acquistati, la commessa gli ha fatto presente che doveva "indossare correttamente" il dispositivo di protezione. Lui se l'è presa. "Mi ridia il resto e stia zitta", ha tuonato. Ha cominciato a polemizzare, ha risposto in malo modo. Nella discussione, a rafforzare le ragioni della ragazza, è intervenuto L.C., 49 anni, di Lanciano (Ch), dipendente Sevel, anche lui in coda alla cassa.

Ma quest'ultimo si è beccato prima una raffica di parolacce e di insulti e poi è stato aggredito. Perché l'altro, quello che non voleva saperne di coprirsi con la mascherina, si è girato e, cogliendo tutti di sorpresa, gli ha sferrato alcuni pugni in faccia. Il malcapitato è finito a terra e l'improvvisato boxer ha continuato a colpirlo, tirando anche calci. Fino all'intervento della security.

A quel punto sono stati allertati il 118, per l'ambulanza, e i carabinieri, che sono intrvenuti subito dopo, ascoltando le parti in causa e raccogliendo testimonianze. La vittima è stata portata in ospedale, al Pronto soccorso, dove gli hanno dignosticato lesioni sul volto, con un taglio sullo zigomo. La prognosi è di 7 giorni. Stamattina, in caserma, ha anche presentato querela.  26 feb. 2021

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 30487

Condividi l'Articolo