Coronavirus. Monsignor Valentinetti in preghiera nei cimiteri di Pescara
GUARDA LE FOTO

Solo, nel silenzio dei camposanti della città, l’arcivescovo di Pescara-Penne, Tommaso Valentinetti, si fermerà, domani 27 marzo, per un momento di veglia e di preghiera nel cimitero di San Silvestro, alle 11, e in quello di Pescara Colli, alle 11.30 "per affidare simbolicamente tutti i defunti alla misericordia di Dio".

"Mi ha colpito, particolarmente, - dice monsignor Valentinetti - l’affermazione di un nostro sacerdote che ha accompagnato e benedetto, anche lui solo, diversi defunti in questo tempo.... 'Attraverso gli occhi del parroco scendono le lacrime di tutta la comunità' – mi ha raccontato commosso – riassumendo in poche parole quello che è il nostro lavoro, in questi giorni, ma in fondo, ogni giorno. Le lacrime di tutta la comunità sono offerte quotidianamente, insieme alla fiducia nel Risorto, sugli altari di Dio, nelle chiese vuote di fedeli, sì, ma piene di spirito di compartecipazione".

"E' stato chiamato 'il Venerdì della misericordia' – spiega ancora  che ha accolto e ha fatto suo l’invito della Chiesa –... E' il venerdì di quaresima, che quest’anno, più che mai, ci porta a vivere la Croce della sofferenza e della morte sulla nostra pelle in una via crucis continua di paura e di dolore. E' il venerdì, però, che precede il racconto domenicale della resurrezione di Lazzaro, che rivive la passione e la morte di Cristo, e che sa scorgere dietro la realtà della crocifissione, la speranza della Risurrezione, della vita eterna". L’orazione personale diventerà comunitaria nelle celebrazioni private dei sacerdoti "che, insieme a me – continua Valentinetti - domani, offriranno la santa messa per tutti i morti di questa pandemia". 

Massimiliano Brutti

@RIPRODUZIONE VIETATA

Foto di Graziano Romanelli

totale visualizzazioni: 317

Condividi l'Articolo