Coronavirus. Morti e infettati in rsa di Montesilvano: scatta l'inchiesta
 

Epidemia colposa. E' questa l'ipotesi di reato avanzata dalla Procura di Pescara che ha aperto un fascicolo sulle decine di contagi da Covid 19 che ci sono stati, negli ultimi mesi, nella residenza sanitaria Santa Maria Ausiliatrice di Montesilvano (Pe), nota come ex Sund.

Qui in tanti, una cinquantina in tutto, tra ricoverati e operatori, si sono infettati, come risulta dai tamponi effettuati. Il territorio della provincia di Pescara è stato il più colpito da coronavirus in Abruzzo, con numerosi decessi che si sono susseguiti, quotidianamente, per settimane, fino a ieri. Molti i morti tra gli ospiti di strutture assistenziali e case di riposso. Da qui l'inchiesta della magistratura e dei carabinieri del Nas, che hanno fatto diverse "incursioni" nella rsa in questione per acquisire documenti.

Con l'inchiesta si vuole capire il perché di tanti casi e se sussistono responsabilità per l'accaduto. Inoltre si vuole far luce sulla fine di diversi anziani, probabilmente anche a seguito di esposti delle famiglie.

Anche la Procura di Chieti sta facendo accertamenti, sempre tramite Nas, su una situazione analoga che si è verificata a  San Giovanni Teatino, dove si è infettata più della metà degli anziani. I militari, pertanto, stanno acquisendo cartelle cliniche non solo all'ospedale di Pescara, dove sono stati portati alcuni dei pazienti contagiati, ma anche al policlinico di Chieti. 

A Pescara sono anche altre le strutture dove l'infezione ha dilagato. Nell'istituto delle Sorelle della Misericordia, di via del Santuario, una delle più apprezzate del capoluogo adriatico, sono stati riscontrati decine di positivi, anche tra i lavoratori. Metà degli ospiti è stata ad un certo punto trasferita in albergo sotto l'assistenza costante della Croce Rossa. Non ce l'ha fatta, invece, suor Rina Vittoria, una delle religiose che hanno contratto il virus. Lei si occupava soprattutto dei bambini della vicina scuola dell’infanzia, la paritaria "Lucilla Ambrosi". Nel capoluogo adriatico è deceduta anche suor Matilde Celi, madre superiora delle "Maestre Pie Filippini".

 Fernando Errichi 

 @RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 2838

Condividi l'Articolo