Coronavirus. Altri due casi in Abruzzo. La prima vittima è un uomo di Ortona

Nuovi casi in Abruzzo di Coronavirus. Nei test eseguiti la scorsa notte nel laboratorio di riferimento regionale di Pescara, sono emersi due nuovi pazienti positivi al Covid 19. Lo comunica il Servizio Prevenzione e Tutela della salute della Regione.

Il primo è un uomo di Pescara, di 35 anni, che ha riferito di avere avuto contatti con un altro paziente positivo. E' asintomatico e per questa ragione non è stato ricoverato, ma posto in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte della Asl.

Poi ci sono gli accertamenti effettuati sulla salma di un 58enne, di Ortona (Ch). Maurizio M. è morto il 5 marzo ed è stato sottoposto a esame necroscopico. L'autopsia è stata disposta dalla Procura di Chieti a seguito di un esposto della famiglia del defunto perché l'ambulanza non sarebbe arrivata nei tempi dovuti quando, a casa, c'è stato il malore letale. L'uomo era affetto da importanti patologie cardio-respiratorie e da diabete.

Sono state attivate tutte le procedure di sicurezza per ricostruire i suoi movimenti e tracciare i contatti. I campioni saranno inviati ai laboratori di secondo livello per le controanalisi.

Il sindaco di Ortona (Ch), Leo Castiglione, ha attivato il Centro operativo comunale per monitorare la situazione in stretto contatto con la Direzione sanitaria della Asl e ha provveduto ad emanare un’ordinanza a tutela della salute pubblica che prevede la chiusura al pubblico di tutti gli uffici comunali che continueranno a relazionarsi con i cittadini attraverso i contatti email e telefonici; la chiusura del mercato coperto di via Cavour; la sospensione del mercato settimanale del giovedì; la chiusura degli impianti sportivi; la sospensione di tutte le attività rivolte al pubblico svolte da oratori parrocchiali,  professioni di culto e associazioni culturali e religiose; la sospensione delle attività programmate al Teatro Tosti. "L'ordinanza - spiega il primo cittadino - ha effetto immediato e una validità di 15 giorni". 

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 4518

Condividi l'Articolo