Casoli dà l'ultimo saluto a Fiorentino, ucciso a coltellate in Toscana

L'ultimo saluto di Casoli (Ch) a Paolo Fiorentino, 46 anni, ucciso a Massa Carrara, c'è stato questa mattina.

Carta in Risme A4 al prezzo più basso online

Ann. Carta per fotocopie al prezzo più basso

Apri

Ad accogliere la salma, nel paese d'origine, il padre Giuseppe e la sorella Cinzia, a cui si sono stretti in tanti. "Una tragedia – ha detto il parroco, don Gennaro Marinucci - che equivale ad una sconfitta per la nostra comunità. Per Paolo non siamo riusciti ad essere un punto di riferimento e questo è un rammarico".

La vittima, che era in attesa di riprendere a lavorare e di un alloggio, è stato ammazzato, con un coltello da cucina, da un senzatetto, tra il 12 e il 13 gennaio scorsi. In carcere, con l'accusa di omicidio volontario, è finito Francesco Di Blasi, 67 anni, originario di Palermo. Il delitto si è consumato, in un contesto di estrema povertà, all'interno di un ex campo profughi, il "Colonia Vercelli", in una stamberga di proprietà del Comune occupata abusivamente da entrambi.

I due hanno cominciato a litigare, di notte, e a prendersi a pugni. Poi i fendenti, cinque almeno, che hanno trafitto Fiorentino. Una pugnalata al petto, all'altezza del cuore. Poi sul collo. Il cadavere è stato trovato in un lago di sangue, al mattino dopo, da una donna che spesso gli portava da mangiare e lo aiutava nelle faccende. L'omicida si è costituito nella vicina caserma dei carabinieri, ma si è avvalso della facoltà di non rispondere. E' in carcere, ora. 

Non si conoscono al momento i motivi del violento litigio, iniziato con le botte e sfociato in dramma. 19 gen. 2022

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 3495

Condividi l'Articolo