Lanciano. Protesta dei sindacati contro apertura nuova sezione al supercarcere

Personale sempre più scarso e i sindacati della polizia penitenziaria del supercarcere di Lanciano (Ch) contestano la prossima apertura di una nuova sezione per detenuti lavoratori.

In una lettera inoltrata al capo del Dipartimento penitenziario le organizzazioni sindacali Sappe, Uilpa, Cnpp e Cisl sostengono che "si preannuncia come l’ ennesimo disastro, l’apertura di una nuova sezione nell’istituto frentano e l’ennesima inaccettabile compressione dei diritti dei poliziotti. La protesta arriva dai segretari sindacali Piero Di Campli del Sappe; Ruggero Di Giovanni, della Uilpa; Mauro Antonini, Cnpp, e Franco Codiani, della Cisl.

"In realtà - scrivono - abbiamo avuto il sentore di ciò che stava accadendo già da mesi, ma alla nostra richiesta di confronto ci è stato risposto che non ci sarebbero state modifiche al servizio. Invece adesso apprendiamo che sarebbero previste nel nuovo reparto due unità giornaliere e per di più con turni da 8 ore, contro le sei previste dal contratto nazionale. Questa ostinazione nel recuperare pochi posti detentivi a discapito della sicurezza dei lavoratori – si aggiunge nella nota - si era già concretizzata a Lanciano a seguito della forzata apertura dell'ex reparto Verde, ora diventato Ottaviani, che a fronte di un utilizzo medio di 10 unità al giorno ed una capienza effettiva di circa 35 detenuti ha portato uno scompenso nella programmazione dei servizi e nella gestione dell’istituto; scompenso che ha contribuito a creare le condizioni affinchè nel carcere di Lanciano vi fosse un’aggressione nei confronti della polizia penitenziaria mediamente ogni 40 giorni".

"Adesso si sceglie di aprire una nuova sezione per 10/15 posti detentivi a fronte di un utilizzo di non meno di 6 unità al giorno che andrebbero ad aggravare ulteriormente la condizione dello scarno personale del carcere".  Quindi  la denuncia del problema di personale e quello relativo alla sicurezza degli operatori e del territorio, "visto che per la tipologia di detenuti presenti a Lanciano ciò che accade all’interno potrebbe avere ripercussioni anche all'esterno".

Walter Berghella

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 853

Condividi l'Articolo