Da Roma in trasferta ad Atessa per la rapina alla Bcc: quattro arresti. Inchiodati dalle telecamere
GUARDA LE FOTO

Galeotta la telecamera situata sul campanile della chiesa di San Benedetto, ad Atessa (Ch). Sono state le riprese dall'alto, che hanno filmato il cambio di auto da parte dei banditi, a instradare le forze dell'ordine, a far loro capire che era la pista giusta. E, stamattina, dopo mesi di indagini, per la rapina alla Banca di credito cooperativo Sangro-Teatina, filiale di Piazzano di Atessa , avvenuta lo scorso 24 ottobre, ci sono stati quattro arresti. Provvedimenti emessi dalla magistratura di Lanciano (Ch). 

Tre indagati sono maschi e sono della provincia di Roma; poi c'è una basista, locale, una 32enne di Atessa. Custodia cautelare in carcere per Luciano Martelli, 75 anni, originario di Tripoli, e per Mirko Aspergo, 38 anni, esperti rapinatori. Loro sono già rinchiusi a Rebibbia per fatti analoghi. Domiciliari, invece, perché incensurati, per Emanuele Aspergo, di 37 anni, disoccupato, cugino del 38enne, di Morlupo (Rm), a cui è stato apposto il braccialetto elettronico, e per Silvana Calia, 32 anni, barese d'origine, residente ad Atessa, commessa. Le accuse sono di concorso in rapina a mano armata, sequestro di persona e furto. 

Gli accertamenti, complessi, sono stati condotti dai carabinieri di Atessa. "Abbiamo passato al setaccio tante telecamere di videosorveglianza - spiega, in conferenza stampa, il capitano della compagnia, Marco Ruffini, con accanto il tenente Federico Ciancio -. Oltre a quelle dell'istituto di credito svaligiato, anche altre installate in abitazioni private, in esercizi commerciali e in alcuni comuni limitrofi, per un raggio di dieci chilometri". Un lavoro certosino, di incroci e comparazioni di ore ed ore di registrazioni. E poi analisi dei tabulati telefonici; ricerca di collegamenti tra i vari sospettati, con vaglio di frequentazioni, parentele ed amicizie;  pedinamenti e intercettazioni telefoniche ed ambientali; comparazioni somatiche effettuate con l'aiuto dei Ris di Roma; audizione di testimoni. Un sodalizio di esperti, quindi, giunto in trasferta dalla capitale. 

Erano circa le 10.30 e quando i malviventi sono entrati in azione. Nello sportello Bcc, taglierino in mano, hanno fatto irruzione in due, mentre un terzo aspettava fuori, a bordo di una Fiat Uno verde, rubata il giorno prima nella zona industriale di Atessa. Si sono finti clienti. Una volta dentro, hanno indossato passamontagna e occhiali, per camuffarsi. "Dov’è la cassaforte. Apritela. Dov'è il direttore Simone?", hanno gridato. Hanno invitato i dipendenti, 7 in tutto, a mettersi di spalle e a guardare il muro. Hanno rinchiuso alcuni clienti in una stanza. 

I forzieri a tempo sono stati un ostacolo, ma era aperta, perché c'erano operazioni in corso, la cassaforte che rifornisce le casse. Hanno rubato, alla fine, circa 40mila euro e buste con dentro monete da un euro e due euro e banconote da 5 e 10 euro. Nel bottino anche valuta straniera, circa 6mila dollari. Fuga a bordo della Uno che è stata abbadonata dopo poche centinaia di metri, nei pressi della vicina chiesa di San Benedetto, da dove è stata immortalata la scena con i criminali. Qui i tre sono saliti su una Golf e una Bravo, con le quali se la sono svignata. Sul posto, dopo appena quaranta secondi, i carabinieri di Atessa, che per un soffio non hanno incrociato i banditi. La zona è stata cinturata dalle forze dell'ordine, ma nulla.

 Per compiere la rapina Martelli è evaso dai domiciliari; mentre Aspergo, che non poteva comunque allontanarsi dalla provincia dove vive, ha approfittato di un permesso premio accordatogli per andare nella polisportiva Pro Roma, dove si allenava giocando a calcio. Per questo l'operazione che ha portato all'identificazione e alla cattura del gruppo, è stata denominata "Permesso". La donna implicata, invece, avrebbe conosciuto quelli che sono poi diventati i suoi complici tramite un familiare richiuso nel penitenziario di Rebibbia. 

 "Questa operazione - afferma il sindaco Giulio Borrelli, intervenuto in caserma anche per salutare il capitano, che presto lascerà Atessa per altra destinazione - dimostra che il territorio è vigilato e protetto. Ringrazio tutti per il lavoro svolto, in particolare il capitano Ruffini. Ringrazio i militari impegnati nella soluzione del caso. Ricordo che il comando e la stazione dei carabinieri di Atessa sono stati rinforzati con nuovo personale, anche su richieste pressanti di questa amministrazione. Dovevamo alzare una barriera contro la criminalità, ed è stato fatto. Un'alta percentuale di crimini, da queste parti, non resta impunita". 

Serena Giannico

 @RIPRODUZIONE VIETATA

Nelle foto i carabinieri di Atessa che illustrano le varie fasi delle indagini

totale visualizzazioni: 3958

Condividi l'Articolo