Pietraferrazzana. Un abbraccio e gli sfilano il portafogli: bloccati ladri in trasferta da Pescara

Dalla riviera adriatica a spasso sul lago di Bomba con l’intenzione di depredare anziani con la collaudata tecnica dell’abbraccio e della cordialità, modalità con le quali sfilano orologi, monili e portafogli dalle tasche dei pensionati.

Furti messi a segno da questi navigati malviventi che si avvicinano alle loro prede fingendo di chiedere un’informazione, quindi le stringono a sé a mo' di ringraziamento e le borseggiano. Ma stavolta è andata proprio male a S. V., 35 anni, di Pescara, e D.R.N., di 64, di Montesilvano, segnalati per furto aggravato nei confronti di un uomo di 78 anni, residente a Pietraferrazzana (Ch), derubato in pieno centro del portafogli, sfilatogli dalla tasca dei pantaloni con la usuale tecnica... affettuosa, sorridente e ingannatrice.

Ma gli esperti ladri non hanno fatto i conti con un compaesano che era sul balcone e, che, insospettito dagli estranei che seguivano il conoscente, si è soffermato a guardare e meglio e a controllare e ha assistito a tutta la scena, pure mentre uno di loro rovistava nel portamonete per vedere quanti soldi c’erano. Poi ha subito chiamato i carabinieri di Bomba. Nel frattempo i furfanti, vistisi scoperti, hanno abbandonato la refurtiva e si sono dati a  frettolosa fuga a bordo di una Ford Focus, ma in 40 minuti sono caduti nella ragnatela di controlli posti in atto dai militari della compagnia di Atessa, coordinati dal capitano Alfonso Venturi.

Difatti gli equipaggi del Nucleo operativo radiomobile sangrino li hanno intercettati e fermati sulla statale 652 Fondovalle Sangro. Non essendoci la flagranza di reato, i due "compari" sono stati denunciati alla Procura di Lanciano, ma ad aggravare la loro posizione è stata l’immediata revoca del beneficio del regime di semilibertà di cui godevano e al quale ha posto fine il magistrato di sorveglianza di Pescara.   15 ott. 2020

Walter Berghella

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 1600

Condividi l'Articolo