Atessa. Ladri svuotano cassaforte con fiamma ossidrica. Diversi i furti in abitazione

Ignoti ladri utilizzano la fiamma ossidrica per aprire la cassaforte in una casa privata e durante il furto bruciano anche alcune banconote.

Ma in ogni caso il bottino appare sostanzioso, circa 5 mila euro di valore in oro, gioielli e contante, ma si attende l’esatto inventario del maltolto per ora non comunicato nella denuncia sporta. Scartata la bigiotteria. Il colpo è stato messo a segno l’altra sera mentre i proprietari dell’abitazione, una coppia di pensionati, erano usciti per far compere. Al rientro per cena hanno trovato la casa, in via Cavalieri di Vittorio Veneto, ripulita di valori oltre che messa sottosopra avendo rovistato in tutti i cassetti e armadi.

I malviventi sono entrati dalla finestra della camera da letto. Infine la cassaforte aperta come una scatola di sardine con la fiamma ossidrica. Indagano i carabinieri atessani, coordinati dal capitano Alfonso Venturi, che da giorni stanno ponendo un freno alle attività delinquenziali con l’incremento dei controlli. Sulla sicurezza mercoledì c’è stato un vertice tra il sindaco Giulio Borrelli, il comandante provinciale dei Carabinieri Florimondo Forleo e lo stesso Venturi. 

Diversi i furti in abitazione che ci sono stati di recente ad Atessa. Preso di mira soprattutto il quartiere Santa Maria dove domani sera ci sarà un incotro tra forze dell'ordine e cittadini. Sulla questione ci saà presto anche una riunione del Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica. 

Walter Berghella

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 2314

Condividi l'Articolo