Artista di Paglieta aggredito a Roma: e' in condizioni gravissime

Lo hanno aggredito ieri, intorno alle 19, nella zona di Largo Preneste a Roma. Umberto Ranieri, 55 anni, nato e cresciuto a Paglieta (Ch), pittore, è ora in fin di vita. Lotta contro la morte all'ospedale San Giovanni. Da una prima ricostruzione fatta dai carabinieri  di Torpignattara, del Nucleo operativo Roma Casilina, stava parlando con un gruppo di giovani. Ad un certo momento è scattata l'aggressione: un pugno, o forse più. L’uomo, cadendo, ha  sbattuto la testa  ed è rimasto esanime a terra. Quelli che erano con lui si sono dileguati. Alcuni testimoni hanno allertato il 118 e il malcapitato è stato trasportato con l’ambulanza in ospedale in codice rosso, dove è stato operato d’urgenza. E' ricoverato in Terapia intensiva.

I militari stanno indagando sull’accaduto e stanno esaminando alcune telecamere che potrebbero chiarire l'accaduto.  Sulle cause dell'aggressione ci sono al momento solo supposizioni. A tal proposito "solidarietà" arriva dal Gay Center di Roma che chiede "alle forze dell'ordine che non sia esclusa alcuna pista, compresa quella omofoba, che purtroppo spesso diventa il movente di atti così vili. 

In apprensione i familiari, che vivono tutti a Paglieta, nel cuore del paese. Il padre, Filomeno, 76 anni, pensionato, dopo la telefonata dei medici che lo avvisavano che il figlio era stato picchiato in malo modo, ha lasciato l'abitazione di viale Polsoni, dove è rimasta solo la moglie Anna, ed è partito immediatamente per Roma. "Un dramma... E' un uomo tranquillo e sereno", dicono di Umberto Ranieri. 

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 5138

Condividi l'Articolo