Lanciano. Preferiscono passeggiata ai domiciliari: riarrestati, vanno in carcere

A spasso invece che stare ai domiciliari minacciando agenti e molestando gente.

Sono stati due gli arresti della polizia di Lanciano (Ch) che, su decisione della magistratura, hanno riportato i protagonisti in cella. Nel primo caso l’arresto riguarda il marocchino Jamal Sediame, 51 anni, di Lanciano, che si è visto aggravare il provvedimento dal gip Giovanni Nappi che ora l’ha mandato al supercarcere di Villa Stanazzo. Difatti, l’uomo, che era ai domiciliari, lo scorso 12 luglio è evaso uscendo da casa per fare una passeggiatina, contravvenendo alle disposizioni del giudice. Mentre era in giro è stato notato dalle forze dell'ordine che gli hanno intimato di fermarsi, ma, al contrario, l’indagato ha reagito in modo violento e minaccioso. Il processo con rito direttissimo è già stato fissato al 7 dicembre.

Il secondo arrestato è Tommaso Guarnieri, 41 anni, pure di Lanciano, che stava beneficiando di un permesso premio dal carcere su decisione del Tribunale di sorveglianza, e pure lui si è reso protagonista di episodi di violenza e minaccia nei confronti degli agenti del commissariato che lo avevano sorpreso in strada mentre era intento a infastidire alcuni passanti. Aggravamento della misura anche per lui visto che lo stesso Tribunale ha poi deciso di ripristinargli la custodia cautelare in carcere. Entrambi sono difesi dall’avvocato Vincenzo Menicucci.  23 lug. 2021

Walter Berghella  

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 3618

Condividi l'Articolo