Addio a Lucio Venditti, iconico commerciante di Lanciano
GUARDA LE FOTO

Ha scandito, per più di cinquant'anni, con la sua voce inconfondibile - al microfono, in filodiffusione o dal furgoncino con cui percorreva il centro e le contrade - gli avvenimenti di Lanciano: dagli appuntamenti elettorali a spettacoli e manifestazioni varie.

Carta in Risme A4 al prezzo più basso online

Ann. Carta per fotocopie al prezzo più basso

Apri

Durante il primo periodo del coronavirus, uno dei peggiori, era lui che, sulle strade semideserte del lockdown, invitava tutti a restare nelle proprie abitazioni e a rispettare le norme anti Covid.

Lucio Venditti (nella foto), 88 anni, è morto, la scorsa notte, all'ospedale "Renzetti". Commerciante, titolare dell'omonima ditta e della storica rivendita di strumenti musicali e dischi, meta di tutti gli appassionati di musica. E di tanti in cerca di un regalo, di un brano particolare, di un concerto o di una canzone - su vinile, cassetta o cd - magari introvabile: in quel negozio, su suo suggerimento, garbato e cortese, spulciando qui e lì, saltava fuori sempre quanto agognato. 

I ricordi, anche in bianco e nero, che partono dai mitici anni Sessanta, affollano i social. "Un grande uomo con grandi valori che ha trasferito sapientemente a tutti i componenti della sua famiglia", dice il sindaco Filippo Paolini. Era anche appassionato di auto d'epoca. 

Il Pd, da quello regionale a quello cittadino, lo saluta "con commozione e gratitudine", definendolo "simbolo di gentilezza, di disponibilità: una istituzione di Lanciano, con la sua attività sempre legata alle tradizioni del nostro territorio. Lo ricordiamo mentre narrava, con emozione, in una recente intervista, il bombardamento tedesco di Piazza Plebiscito durante la seconda guerra mondiale". Era il 20 aprile '44 e fu un bagno di sangue: lui, ragazzo, riuscì a salvarsi. 

"Non ci ha lasciato solo una persona buona, discreta, elegante... - afferma Andrea Carunchio, docente - ma anche un punto di riferimento... Avevi una frase buona per i tanti che si fermavano nel negozio "Da Venditti". Sei stato la colonna sonora della nostra Lanciano. Per anni ci hai raccontato, aggiornato, sensibilizzato su tutto quello che accadeva e sarebbe accaduto... Sei stato e resterai un grande esempio per i giovani e per le generazioni future... un pilastro. La tristezza ci avvolge e ci causa sofferenza...". 

"Sono un sacerdote originario di Lanciano - scrive Angelo Di Bucchianico - e sono prete da cinque mesi della Diocesi dei Marsi e mi presento così perché Lucio Venditti era uno dei tanti volti e amici che hanno in qualche maniera di contribuito a formare la mia coscienza... Ciò che oggi ricordo con immagini "dal vivo", che scorrono ora dinanzi ai miei occhi e ancora più al mio cuore, sono le tante ore passate all'interno del suo negozio... La mia prima opera lirica acquistata fu una "Traviata" edizioni Rca e da quella la stragrande maggioranza di opere complete che oggi sono ricordi preziosi di una persona e, posso dirlo, di un amico che perdeva tempo ad illustrarmi le caratteristiche di ogni prodotto che acquistavo. Ricorso cortesia, abilità e un profondo e bel senso dell'umorismo! Addio Lucio... ad Deum...". 
 
Le più sentite condoglianze, da parte di Abruzzolive.tv, alla moglie Antonietta e ai figli Angelo e Valeria. I funerali si terranno domani, 18 luglio, alle 11, nella chiesa di San Pietro, nel quartiere Cappuccini a Lanciano. 17 lug. 2022
 
SERENA GIANNICO
 
@RIPRODUZIONE VIETATA
totale visualizzazioni: 3153

Condividi l'Articolo