Abruzzo. Incidenti in montagna. Uomo con pacemaker colto da malore. Recuperati numerosi escursionisti

Un uomo con pacemaker è stato colto da malore, probabilmente a causa del caldo, mentre stava effettuando una camminata in uno dei sentieri della Valle dell’Orfento, nel territorio di Caramanico Terme (Pe).

L'incidente ieri mattina. Gli amici che erano con lui hanno immediatamente allertato il Soccorso Alpino e Speleologico d’Abruzzo, intervenuto sul luogo con una squadra di terra. Fortunatamente l’escursionista era in buone condizioni, ma è stato subito messo in barella ed elitrasportato all’ospedale. 

Sempre nel territorio di Pescara, e sempre ieri, ma nel pomeriggio, tre escursionisti, due ragazze ed un ragazzo, sono rimasti bloccati lungo uno dei canali detritici della Majella che porta al Monte Amaro: la Rava della Giumenta Bianca, meglio nota come direttissima. I tre giovani si sono fermati al primo grado di difficoltà e, nell’impossibilità sia di proseguire che di tornare indietro e scendere, hanno allertato il Soccorso Alpino, intervenuto per scortarli a valle.

 Il Soccorso Alpino ed elicottero del 118 sono intervenuti nella tarda mattinata di ieri per soccorrere un gruppo di escursionisti esperti, scivolati lungo la Forra di Fossaceca, nel territorio di Isola del Gran Sasso (Te), che si trova sotto al Monte Prena, una delle 28 cime del Gran Sasso (la nona in ordine di grandezza, con i suoi 2.561 metri di altezza), da molti considerata una delle montagne più affascinanti di tutto il massiccio, per via del suo aspetto che viene spesso descritto lunare.

Intervento, poi, per il recupero di un’escursionista scivolata lungo la falesia dell’Arapietra, con le sue brezze fresche e il panorama mozzafiato sul versante teramano del Gran Sasso, in territorio di Prati di Tivo (Te). La ragazza è scivolata e si è distorta una caviglia: recuperata, è stara trasportata con l’elicottero del 118 all’ospedale di Teramo.

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 1103

Condividi l'Articolo