A Lanciano tre donne arrestate per usura a giovane imprenditrice

Arrestate per usura.

Carta in Risme A4 al prezzo più basso online

Ann. Carta per fotocopie al prezzo più basso

Apri

Tre donne di Lanciano (Ch), una di origine campana, finiscono agli arresti domiciliari per aver "strozzato" una giovane commerciante del posto già in crisi economica a causa della pandemia da Covid-19.

Il provvedimento cautelare è stato emesso dal gip Massimo Canosa, su richiesta del pm Francesco Carusi. Provvedimenti che scattano a conclusione delle indagini della polizia, coordinate dalla dirigente Lucia D’Agostino.

L’imprenditrice si era rivolta a una di loro per un prestito iniziale di poche centinaia di euro e pian piano ne ha dovuti restituire 21mila. Ma doveva ancora continuare a dare altre migliaia di euro che, poi, si è rifiutata di pagare. In alcuni casi il tasso imposto avrebbe raggiunto il 5mila per cento.

Le indagate, C. M., C.G. e L. C., avrebbero vessato, a lungo, la donna mettendo in campo, in continuazione, "richieste a sfondo estorsivo" riguardo al pagamento mensile "delle rate".

Se la malcapitata non avesse consegnato le somme pretese nei tempi richiesti sarebbero stati guai: veniva minacciata, a ripetizione, "dell'incendio delle proprietà, di ritorsioni da parte di fantomatici cravattari della mala napoletana e di famiglie rom locali".

La vittima, sotto stress per questa situazione, ha accusato problemi fisici e psicologici, tanto da dover ricorrere alle cure di medici specialistici. Alla fine si è decisa e ha presentato denuncia, dalla quale sono scaturiti verifiche, pedinamenti e intercettazioni. 20 set. 2022

WALTER BERGHELLA

@RIPRODUZIONE VIETATA

 

totale visualizzazioni: 4419

Condividi l'Articolo