Lanciano. 'Central Park? Una colata di cemento. Alla faccia della città green'

"Central Park? Solo una colata di cemento". Così la Lega di Lanciano, con il suo coordinatore Fausto Memmo. 

"Per l’ennesima volta - viene detto in una nota - siamo di fronte ad un’opera incompiuta e ad un’amministrazione comunale che disattende, giorno dopo giorno, le promesse fatte in campagna elettorale. La notizia dell’allungamento dei tempi per i lavori di completamento del "Central Park" non è certo quella che i cittadini aspettavano. Serve un nuovo progetto - prosegue Memmo - e l’area resta un cantiere".

Al momento "potremmo chiamarlo ‘Cemental Park’ - tuona Memmo - sarebbe più indicato. Non dimentichiamo che questa amministrazione vantava la realizzazione di una città green, con spazi verdi e nel pieno rispetto dell’ambiente. E invece....".  La Lega critica poi "la giunta Pupillo per aver demolito uno spazio, quello di Villa delle Rose, con l’ex campo sportivo "Esposito", che accoglieva migliaia di ragazzi e operatori sportivi che, alle porte della nuova stagione dilettantistica, dovranno spostare gli allenamenti e le gare nelle strutture dei paesi limitrofi". Ad esempio a Treglio (Ch).

"Cancellato l’"Esposito" si era detto che le attività sarebbero state spostate in altro luogo ma la città non ha un posto adeguato - spiega Memmo -. Non lo è il campo sportivo "Marcello Di Meco" nel quartiere Santa Rita, impianto non idoneo né adeguabile data la mancanza degli spazi e la vicinanza ai palazzi, e non lo è il campo in località Re di Coppe che versa in un completo stato di abbandono".

"Non vorremmo - conclude Memmo - che il lascito di questa amministrazione fosse un’opera incompiuta o  il debito per la manutenzione di "Central Park" e corso Trento e Trieste".

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 1315

Condividi l'Articolo