Lanciano. Il colosso Siemens chiama... e gli studenti dell'Itis rispondono: ecco il nastro trasportatore 4.0
GUARDA LE FOTO

Un nastro trasportatore degli studenti dell’Itis “Leonardo Da Vinci” di Lanciano (Ch) ‘premiato’ dalla Siemens! Una notizia inaspettata. “È arrivata una circolare in classe e…”. E si parte. Sono ancora emozionati gli alunni Gaspare D’Angelo (4a A elettronica) e Lorenzo Treglia (4a B informatica - telecomunicazioni) quando ci raccontano di quel giorno.

Si parte, sì ma per dove? Firenze. E per far cosa? Il nastro trasportatore “intelligente”, ideato dal team di studenti dell’Itis di Lanciano, in partnership con l’Its Meccanica, controllato da un PLC S7-1200 (cuore del dispositivo) è stato scelto dal colosso mondiale Siemens per partecipare alla fiera “Didacta 2019”, al centro fieristico di Fortezza da Basso di Firenze. Per i giovani... l’emozione non ha voce canterebbe Celentano. Ma, si legge negli occhi e nei sguardi di questi ragazzi, è una soddisfazione traboccante.

L’Istituto “Da Vinci - De Giorgio” avrà a disposizione uno spazio espositivo dove presenterà il progetto M.A.P.P.A. (Monitoraggio attività processo produttivo automatizzato), già premiato alle scorse “Olimpiadi dell’Automazione Siemens 2019” a Piacenza (quinti classificati, con un prodotto ancora da realizzare pienamente). Ma in Toscana, ora, si va oltre. Perché il progetto è stato positivamente valutato da Siemens ricevendo l’invito da Fiera Didacta Italia, il più importante appuntamento sul mondo della scuola. Obiettivo: presentare il prototipo realizzato, un dispositivo di controllo delle linee produttive aziendali e di gestione della manutenzione evoluta, in ottica di industria 4.0.

A giorni i ragazzi partiranno. Il dispositivo sarà ora presentato al pubblico di Didacta nei giorni 9, 10 e 11 ottobre insieme alla dirigente scolastica, Patrizia Costantini, e ai docenti Antonio Del Casale e Federico Di Sante. Il nastro trasportatore è stato realizzato nello scorso anno scolastico da venti studenti provenienti dall’Its Meccanica e dalle classi IIIa IVa e Va dell’Itis, nell’ambito di interventi formativi pomeridiani di forte valenza didattico-tecnologica. Gli interventi sono stati programmati e gestiti dal professor Antonio Del Casale dell’Itis.

Antonio Maffei, direttore dell’Its Meccanica, si è occupato degli aspetti tecnici-organizzativi, anche mettendo a disposizione gli spazi della sede Its, e ha curato le relazioni con Siemens Italia in qualità di coordinatore. Qual è la peculiarità del nastro trasportatore? Semplice e complesso allo stesso tempo, salvaguardando l’inventiva e l’apporto-novità sul mercato internazionale: tramite la gestione automatizzata di sensori, con i motori CC e IOT/Arduino, esso riesce a “scartare” e/o “accettare” dei campioni che vi passano sopra, rilevandone parametri quali: peso, altezza, colore (o altre caratteristiche fisico-chimiche) grazie allo spettrofotometro.

In quali ambiti si può utilizzare il dispositivo? “Certamente nell’ambito della componentistica industriale, ma anche in quello eventualmente alimentare in futuro, considerando che il nastro è ‘personalizzabile’ secondo esigenze aziendali”, spiegano D’Angelo e Treglia, mentre siamo all’interno di uno dei laboratori che li vedono all’opera. Come è nata l’idea di dar vita a questo dispositivo? Attraverso la messa in campo di competenze per la formulazione e l’analisi del problema aziendale (cioè cosa chiedono oggi le aziende), per il brain storming con le imprese e per il benchmarking su dispositivi simili (i dispositivi devono essere funzionali e in grado di interfacciarsi con le esigenze richieste). Nel corso di un intero anno scolastico la modalità di apprendimento e di costruzione del prodotto ha privilegiato il “cooperative learning”, come strategia di lavoro, definendo i gruppi di lavoro sulla base delle competenze e degli indirizzi di studio dei ragazzi, e la metodologia di project management, come metodo di pianificazione e gestione delle attività.

Il progetto è stato sviluppato con tecnologie abilitanti Industria 4.0 (progettazione e stampa 3D, programmazione avanzata - arduino e PLC -, sensoristica, parti meccaniche e meccatroniche). Alla fine l’utente finale cosa ottiene? “Dopo aver immagazzinato i dati in un data-base, viene effettua la selezione dei campioni, vengono inviati i dati ad un Pc per la supervisione e/o eventuale controllo remoto, si scrivono i dati su Cloud (per una condivisione senza tempo e spazio) e i dati di processo sono elaborati in formato CSV per successive analisi gestionali con excel. Il progetto ideato include anche alcune tabelle/grafici excel che possono fornire al management, in qualunque momento, dati gestionali e di efficienza dell’impianto: quantità prodotte e scartate, stratificazione dei dati di scarto per causale, efficienza totale dell’impianto, valori percentuali su disponibilità tecnica, performance gestionali e livello qualitativo del processo in esame.

I giovani sono sempre bistrattati, non sanno far nulla: “Macché…” ci dichiara il docente Antonio Del Casale, “noi qui stimoliamo continuamente la loro intelligenza e la loro curiosità. Se ‘intercettati’ i ragazzi sanno esprimere della potenzialità grandiose”. Prima di lasciare ancora i ragazzi ai loro laboratori lasciamo loro l'ultima parola: “Ci sentiamo molto valorizzati per questo progetto, abbiamo impegnato quasi mezzo anno scolastico per realizzare il nastro trasportatore” ci dichiarano ancora Treglia e D’Angelo. E adesso? “Gira voce che… potremmo partecipare alle Olimpiadi della Robotica!” Buon viaggio ragazzi, nel mondo della tecnologia.

Alessandro Di Matteo

@RIPRODUZIONE RISERVATA

totale visualizzazioni: 2943

Condividi l'Articolo