Lanciano. Incidente sulla Variante Frentana: muore dipendente Sevel
GUARDA LE FOTO

Incidente mortale, questo pomeriggio, intorno alle 14.15, sulla Variante 84 Frentana a Lanciano (Ch), a qualche centinaio di metri dal locale "Occhio alla pecora".

A perdere la vita un uomo di 40 anni del posto, Mauro Picca (nella foto), che era in moto e che è stato travolto da un Suv. Il centauro, dipendente della Sevel di Atessa (Ch), era in sella al suo Ktm enduro color arancio. Era da poco uscito da casa, nel quartiere di Olmo di Riccio, per andare a Castel Frentano per un motoraduno. Da una viuzza secondaria laterale, si stava immettendo sulla strada principale, quando c'è stato lo schianto con il Pick Up Dodge, che era in fase di sorpasso, che lo ha falciato e sbalzato in aria, non lasciandogli scampo. Inutile il tentativo di frenata, di almeno trenta metri da parte della vettura, che è finita sotto sequestro.

La due ruote, nell'urto, che è stato devastante, si è spezzata, è stata dilaniata, e si è incendiata, rogo spento dai vigili del fuoco della vicina caserma. Il motociclista è deceduto sul colpo: inutili i tentativi di rianimarlo da parte dei soccorritori del 118, arrivati con le ambulanze. Il conducente della macchina, un 25enne di Lanciano, F.D.N., che era in compagnia di una ragazza, è rimasto illeso. E' stato portato in caserma. 

Dei rilievi di legge e della ricostruzione della dinamica si occupano i carabinieri di Lanciano, agli ordini del maggiore Vincenzo Orlando. Traffico bloccato e deviato sulla Variante, che è stata chiusa dalla polizia municipale.

La salma, dopo la ricognizione del medico legale Domenico Angelucci, è stata trasportata all'obitorio dell'ospedale di Chieti per l'ispezione cadaverica esterna, come deciso dalla Procura di Lanciano.

Strazio da parte della moglie della vittima, Antonella Natale, giunta sul posto. La coppia ha due bimbi piccoli. 15 mag. 2021

Hanno collaborato Alessandro Di Matteo, Massimiliano Brutti e Andrea Colacioppo

RIPRODUZIONE VIETATA

 

totale visualizzazioni: 29051

Condividi l'Articolo