Colpo ad agenzia scommesse a Lanciano. 'Furto pianificato'. L'auto dell'assalto rubata in città
GUARDA LE FOTO

E' stato pianificato nei dettagli il colpo messo a segno, ieri sera, nell'agenzia di scommesse "Better" in via per Fossacesia a Lanciano (Ch).

Ne è sicuro il padre del titolare, Domenico Antonecchia, di Baranello, in provincia di Campobasso che, il giorno dopo l'assalto, è nell'esercizio commerciale, che è regolarmente aperto e con diversi clienti.

Ad agire sono stati tre uomini, incappucciati e con indosso tute, guanti bianchi e passamontagna. Il locale aveva chiuso da poco, alle 21, e il furto è stato messo a segno un quarto d'ora più tardi. 

"Sono entrati - spiega Antonecchia ad Abruzzolive.tv - scardinando la porta". Probabilmente con un piede di porco. "Non c'è stato nessuno scoppio - spiega -, nessun incendio. Il fumo che molti, residenti e passanti, dicono di aver visto era l'antifurto con sistema nebbiogeno, il quale, non appena scatta il segnale di allarme, libera la nebbia propagandola in modo rapidissimo e perfettamente uniforme in tutto l'ambiente dove permane per molti minuti".

Il commando, una volta all'interno è andato difilato in una stanza attigua a quella d'ingresso dove c'era, insieme alle varie slot machine, la cambiamonete. "Che - fa presente Antonecchia - solitamente è bullonata, e quindi fissata, in tre punti al muro. Invece, in questi giorni, era soltanto appoggiata alla parete, perché l'avevamo portata da poco a riparare dopo un guasto". Qualcuno dei malviventi, nei giorni scorsi, ha di sicuro effettuato una ricognizione e ha constatato che la macchinetta non era saldata al muro e che quindi poteva essere presa con facilità. 

I titolari, tramite le telecamere interne di videosorveglianza, hanno seguito in diretta l'accaduto, dal telefonino. I banditi hanno appoggiata sul pavimento la cambiamonete - come si vede nelle immagini delle telecamere - e poi l'hanno trascinata fuori, sul marciapiede, per caricarla sul sedile posteriore della Renault Scenic che avevano posteggiato sulla strada, intralciando anche il traffico, sostenuto, dato che si tratta dell'arteria di accesso al centro cittadino. 

Il bottino è scarso. "Avevamo vuotato la macchinetta mercoledì o giovedì - riprende l'esercente - quindi non abbiamo idea di quanto denaro ci fosse: potremmo ipotizzare 3-4mila euro". 

Quindi la fuga, con partenza a razzo, con inversione di marcia: la direzione è quella dell'A14. Ma stando alla polizia, che conduce le indagini, potrebbero essere andati da tutt'altra parte. Gli agenti del commissariato di Lanciano sono giunti sul posto in pochi attimi con le prime pattuglie. A seguire è arrivata la Scientifica per effettuare i rilievi. 

L'auto utilizzata dai furfanti è stata rubata nei giorni scorsi a Lanciano, nella zona di contrada Serre. Quindi potrebbe trattarsi di una gang del posto, o con un efficiente basista, magari assiduo frequentatore della sala giochi. 14 ago. 2022

SERENA GIANNICO

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 3302

Condividi l'Articolo