Bomba. Consigliere comunale muore schiacciato mentre manovra escavatore
GUARDA LE FOTO

E' morto schiacciato mentre manovrava il proprio escavatore. 

Carta in Risme A4 al prezzo più basso online

Ann. Carta per fotocopie per distributori e uffici

Apri

L'incidente è successo oggi pomeriggio, tra le 16.30 e le 17.15, in località Sambuceto del comune di Bomba (Ch). La vittima è Antonio Di Santo (nella foto), 60 anni, di Bomba (Ch), ex dipendente Sevel, imprenditore agricolo e attuale consigliere comunale di minoranza nel gruppo "Bomba protagonista". E' stato anche assessore nella scorsa legislatura, con l'allora sindaco Donato Di Santo. 

L'uomo, dopo aver effettuato lavori vicino a casa, stava guidando il macchinario per infilarlo nella rimessa. Ma mentre guidava la ruspa, in retromarcia, è rimasto incastrato tra la cabina del mezzo e il muro del fabbricato in cui stava entrando. Così lo ha trovato il figlio, che ha dato l'allarme e ha allertato i soccorsi.

Sul posto l'ambulanza del 118, con i sanitari che hanno cercato di rianimarlo. Ma ogni tentativo di salvarlo è stato inutile. Potrebbe aver avuto un malore o potrebbe essersi sporto troppo, o magari essere sceso e aver perso il controllo dei comandi. Il decesso è stato comunque causato da schiacciamento toracico. 

Intervenuti, per i rilievi di legge e per ricostruire la dinamica dell'infortunio, i carabinieri della stazione di Bomba e di Archi, coordinati dal maresciallo maggiore Lucio Ciampani e dal capitano della compagnia di Atessa, Alfonso Venturi. Dell'accaduto si occupa la Procura di Lanciano (Ch) e in particolare il pm Francesco Carusi. La salma, dopo l'esame esterno del medico legale Raffaele Ciccarese, è stata restituita ai congiunti per le esequie. 

"L'amministrazione comunale e il paese - dice il sindaco Raffaele Nasuti - si stringono alla famiglia per questo drammtico lutto che ha scosso fortemente la comunità. Era una persona generosa: metteva tutto se stesso e il proprio impegno nelle attività che portava avanti. Sempre disponibile, anche al dialogo". La vittima, molto conosciuta, lascia due figli e la moglie Maria Sabbia.  21 nov. 2020

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 9286

Condividi l'Articolo