Auto piomba in giardino scuola a L'Aquila: morto un bimbo, altri cinque feriti
GUARDA LE FOTO

Si è sfrenata e, acquistando velocità, si è fiondata dentro il giardino della scuola dell'infanzia e nido 'Primo Maggio', travolgendo diversi bambini: uno è morto

Il dramma si è verificato oggi, intorno alle 14.35, a L'Aquila. Un'automobile, parcheggiata in discesa, ha gettato a terra il cancello dell'asilo, che sta in contrada Pile, lungo la via Salaria Antica Est, ed è piombata sugli scolaretti che giocavano all'aperto, sul prato, tra scivoli e giostrine, nella tranquilla giornata di sole. La vettura che ha causato la tragedia, una Volkswagen Passat station wagon, era stata lasciata in sosta da una mamma che era andata a riprendere il proprio bimbo. In macchina era rimasto il figlio più grande, di 8 anni, che, è una delle ipotesi investigative, potrebbe aver tolto il freno. Oppure, a provocare la tragedia, potrebbe essere stato un guasto meccanico. 

L'auto ha falciato sei piccini, dai 3 ai 5 anni. Urla, pianti, disperazione. Sono scattati i soccorsi. Sul posto quattro ambulanze e l'elicottero del 118 e i vigili del fuoco: questi ultimi hanno estratto i feriti dalle lamiere. Un maschietto,  di 4 anni, Thomas D'Agostino, è deceduto. Era gravissimo quando lo hanno tirato fuori da sotto la macchina: si è spento in ambulanza.

La Direzione medica del "San Salvatore", "all’esito della grave tragedia", ha inviato un primo bollettino, delle 17.45, spiegando che "purtroppo un bimbo è deceduto durante il trasporto in ospedale per i gravi traumi subiti, nonostante le manovre rianimatorie eseguite tempestivamente". 

Una bimba è in prognosi riservata: è stata trasferita, con l'elicottero, come pure un suo compagnuccio, al policlinico "Gemelli" a Roma. Un altro si trova al "Bambino Gesù". Due gemellini sono all'ospedale San Salvatore dell'Aquila per completare gli accertamenti. 

Al Pronto soccorso,  - viene inoltre spiegato dalla Asl - "oltre ad ulteriore personale della Pediatria richiamato in servizio, sono intervenuti tutti gli specialisti rianimatori, neurochirurghi, ortopedici, chirurghi generali, chirurghi maxillo-facciali e tutto il personale a supporto". Si sta "offrendo ai familiari il supporto psicologico necessario".

"Ho visto alcuni bambini sotto le ruote - spiega una maestra della materna -. E' una immagine che non scorderò facilmente. Con alcuni bambini - evidenzia - abbiamo cercato di far finta che si sia trattato di un gioco, o quantomeno di minimizzare, spiegando che i genitori sono venuti a riprenderli in anticipo". "Mia figlia - racconta una madre - mi ha detto di essersi salvata perché in quel momento stava dentro la casetta del giardino. Proprio ieri avevano festeggiato il compleanno di uno degli amichetti. Tutti felici...". 

Il sindaco dell'Aquila, Pierluigi Biondi ha proclamato, con propria ordinaza, il lutto cittadino, che scatterà domani, 19 maggio, e sarà in vigore fino al giorno del funerale. Biondi, che è stato anche sul luogo del disastro e in ospedale, dichiara: "Sgomento e profondo dolore. Sono vicino alle famiglie dei piccoli, alle insegnanti e alla dirigenza scolastica. E' una notizia che nessun genitore vorrebbe ricevere, una tragedia che la città non merita. Cercheremo, con l’aiuto delle istituzioni, di comprendere la dinamica dell’accaduto".

L'ordinanza dice che, "in segno di cordoglio e partecipazione al dolore dei familiari",  "saranno esposte a mezz'asta e listate a lutto le bandiere sugli edifici della pubblica amministrazione. In questo periodo sono vietate "attività ludiche e ricreative e ogni altro accadimento che contrasti" con la tragedia che si è consumata. Stabilita la "chiusura delle attività commerciali, artigianali, pubbliche e private, delle imprese, con esclusione dei servizi indispensabili e obbligatori, dalle 9 alle 11 di domani".  E poi l'invito, ai partiti, a sospendere la campagna elettorale per il rinnovo del Consiglio comunale. E' lutto anche per il Consiglio regionale d'Abruzzo.

Cordoglio e vicinanza alle famiglie colpite e alla comunità sono giunte da 5Stelle, Fratelli d'Italia, Pd, Lega, Udc, dalla Uilm e dal ministro dell'Istruzione, Patrizio Bianchi.  "Sembra di essere rimpiombati nell'incubo causato dal terremoto del 2009", riflettono in tanti.  18 mag. 2022

SERENA GIANNICO

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 2426

Condividi l'Articolo