Atessa. A zonzo col motorino rubato: 21enne nei guai

A zonzo col ciclomotore rubato. Per questo un 21enne di Atessa (Ch), è stato denunciato alla Procura di Lanciano dai carabinieri di Villa Santa Maria.

Le accuse sono di ricettazione e porto abusivo di armi. I fatti risalgono a domenica scorsa. Un 45enne di nazionalità romena, che vive ad Atessa da diversi anni e che all'inizio di settembre aveva subito il furto del proprio ciclomotore Yamaha Mbk Booster nero, mentre era a passeggio con la moglie, ha notato un ragazzo a bordo di una moto senza targa, identica, per colore e modello, a quella che gli avevano sottratto. Ha segnalato il fatto ai carabinieri della compagnia di Atessa e, in pochi minuti, una pattuglia di Villa Santa Maria, in quel momento impiegata in un servizio su Atessa, ha fermato e identificato il giovane.

Alla contestazione del fatto che il veicolo fosse senza targa e con il numero di telaio abraso, il conducente ha improvvisato un racconto poco plausibile, non veritiero, ovvero che aveva trovato il mezzo abbandonato e che pertanto aveva deciso di farsi un giro riuscendo a farlo partire nonostante fosse senza chiavi.

Dall’altra parte l'uomo che aveva allertato i carabinieri, ha riconosciuto il ciclomotore "che presenta piccole modifiche da lui fatte subito dopo l’acquisto". Il 21enne a quel punto è stato sottoposto a perquisizione personale e trovato in possesso di un coltello a serramanico che è vietato portare, mentre i successivi controlli domiciliari hanno permesso di rinvenire la targa del ciclomotore rubato all’operaio rumeno. 23 sett. 2021

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 2577

Condividi l'Articolo