Confcommercio Chieti. Marisa Tiberio confermata presidente
GUARDA LE FOTO

Marisa Tiberio resta al timone di Confcommercio di Chieti, ottenendo il consenso unanime degli iscritti,  che hanno aderito numerosi all’assemblea ordinaria, tenuta alle 17.30 a Villa Estea di Torino di Sangro (Ch).

La riconferma non ha riservato sorprese, perché la presidente, dicono i soci, "svolge il suo incarico con lealtà, professionalità, competenza, coraggio e sensibilità". Ad  aprire  l’affollato incontro la stessa Tiberio che, nel salutare tutti gli intervenuti, in particolar modo il presidente Nazionale Carlo Sangalli e monsignor Lorenzo Leuzzi che ha benedetto i presenti, ha esordito: "Grandi progetti sono stati realizzati in cinque anni e altrettanti ce ne saranno; saremo sempre presenti sul territorio al fianco degli associati, di cui ci prenderemo cura, loro che rappresentano il nostro patrimonio e ai quali esprimo la mia gratitudine. Un grazie particolare ai consiglieri e ai collaboratori. Saranno anni di tante idee da mettere in campo e di speranze che accompagneranno il nostro cammino. Se avessi una piccola bottega venderei la speranza", ha concluso, con un pensiero di Rodari.

"Dobbiamo cercare insieme - ha aggiunto Sangalli - quelle scelte che possano contribuire alla crescita del nostro Paese. La fiducia è una componente fondamentale, ma non soltanto  dell’imprenditore, è una componente fondamentale per far crescere il nostro Paese. Noi abbiamo fatto in maniera forte, a volte dura, alcune  isolata, una battaglia per evitare l’aumento dell’Iva, perché dal punto di vista economico avrebbe significato spalancare le porte alla recessione, ma dal punto di vista fiscale sarebbe stata una profonda ingiustizia sociale perché l’iva va a colpire tanti  che oggi  sono in difficoltà, che fanno fatica ad arrivare a fine mese, e l’aumento dell’Iva li avrebbe messi definitivamente in ginocchio. Quindi tutte le battaglie che facciamo per tutelare gli interessi dei nostri associati, sono battaglie che alla fine riguardano l’interesse generale dell'Italia".

 Sangalli ha  anche letto un passaggio del manager Sergio Marchionne: "Esiste un mondo in cui le persone non lasciano che le cose accadano, ma le fanno accadere". Tra i presenti, l’assessore regionale Mauro Febbo, il sindaco di Fossacesia, Enrico di Giuseppantonio, il sindaco di Rocca San Giovanni, Gianni Di Rito e tanti assessori. Ma i veri protagonisti sono stati gli imprenditori. 

Linda Caravaggio

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 538

Condividi l'Articolo