"Attendiamo che l'inchiesta vada avanti per arrivare a una verità che noi abbiamo chiara in testa, perché la causa della tragedia non è stata la neve". Così il presidente del Comitato vittime di Rigopiano, Gianluca Tanda, fratello di Marco, al termine del flash mob di ieri a Pescara, inscenato per ricordare i 29  che hanno perso la vita tra le macerie dell'Hotel travolto dalla valanga del 18 gennaio scorso a Farindola (Pescara). "Ci sentiamo dimenticati dalle istituzioni - ha detto Silvia Angelozzi, sorella di Sara, tra le vittime insieme al marito Claudio - Per questo ogni mese daremo luogo a un flash mob, in piazza della Rinascita a Pescara, per sensibilizzare i rappresentanti delle istituzioni locali". "Le parole che emergono oggi sono dolore e giustizia - ha detto il sindaco Ilario Lacchetta - Oggi siamo qui aspettando di conoscere il perché tutto questo è accaduto". Il sindaco Marco Alessandrini ha voluto portare la solidarietà della città: "Una tragedia che ci ha trafitto i cuori. Non bisogna spegnere il faro dell'attenzione su questa vicenda". Interviste ai protagonisti. 19 aprile 2017

@RIPRODUZIONE VIETATA
totale visualizzazioni: 1672

Condividi l'Articolo

Video correlati