Crollo ponte a Genova. Stabile, pur se grave, Rita Giancristofaro. 'Sono i km piu' duri ma non mollare'
Superata la prima notte, sono stabili le condizioni di Rita Giancristofaro (nella foto), nata a Lanciano (Ch), dove ha trascorso tutta l'adolescenza e dove ha studiato, al Liceo classico, e che ora vive a Trieste. La donna, agente immobiliare, è stata inghiottita dalle macerie, assieme ad altre decine di malcapitati, nel crollo del ponte Morandi sull'A10 a Genova. Era in auto, in compagnia, e stava attraversando il viadotto. Giancristofaro, i cui familiari abitano e sono molto conosciuti a Lanciano, appassionata di podismo, è uno dei superstiti del disastro del ponte. E' stata estratta dal groviglio di detriti, travi e cemento, a qualche ora dalla tragedia, che si è verificata intorno alle 11.30 di ieri. Ed è ricoverata in ospedale a Genova, dove è arrivata cosciente, anche se in stato confusionale. Le sue condizioni sono gravi: viene tenuta sedata ed intubata. E' stata già operata e domani dovrebbe essere sottoposta ad un nuovo intervento. Ha fratture a braccia e gambe, anche se i traumi più importanti sono a livello polmonare e intestinale. "I parametri vitali - dicono i medici - sono buoni". Ma ci sono ancora rischi.

"Sei nel nostro cuore, nella nostra anima. Ti mandiamo una cifra di energia per farcela", scrivono gli amici sul suo profilo Facebook. E ancora: "Forza Rita, sei una guerriera", "Non ti arrendere adesso", "Ti aspetto, ti aspettiamo in tanti". "Coraggio - incita Roby sui social - sarà la corsa più importante della tua vita. Un grandissimo augurio di buona guarigione"; "Non ci posso credere.... - riflette Elisa - . Saranno i km più duri ma tu non mollare".
15 agosto 2018

@RIPRODUZIONE VIETATA
totale visualizzazioni: 14681

Condividi l'Articolo