Bell'Abruzzo. Un tuffo nel blu dei laghi di Scanno e di Barrea, entrambi balneabili

Non solo mare ma anche laghi. E che laghi per l’Abruzzo: Scanno (Aq) e da quest’anno anche l’incantevole bacino lacustre di Barrea (Aq) sono balneabili.

E se c’è possibilità di apprezzare sulla costa il mare, per le aree interne, nella stagione calda, il turismo c’è anche attorno a questi due specchi d'acqua. Di lì a pochi passi, nel paesaggio tipicamente montano, si apprezzano la bellezza degli scenari naturali, fatti di gole e cascate immerse nel verde.

Il monitoraggio delle acque di balneazione dei laghi di Scanno e Barrea è affidato al Distretto provinciale Arta de L’Aquila, che effettua i controlli con cadenza mensile, secondo il calendario fissato dalla Regione. Campionamenti sono effettuati con le stesse modalità di quelli in mare: il punto di prelievo deve avere una profondità di almeno un metro e i campioni devono essere raccolti 30 centimetri sotto la superficie dell’acqua. Di riferimento sono gli stessi parametri microbiologici del mare: escherichia coli ed enterococchi intestinali, i cui limiti di legge, per i laghi, sono diversi da quelli richiesti per l’acqua di mare. Per le acque dei laghi i limiti di legge sono 1.000 MPN/100 mL per l’escherichia coli e di 500 UFC/100 mL per gli enterococchi, oltre i quali scatta il divieto di balneazione disposto dal Comune di competenza con apposita ordinanza.

Il lago di Scanno, inserito nell’elenco dei Siti di Interesse comunitario (Sic), è di origine naturale e viene considerato tra i più belli d’Italia (non fosse altro per lo splendore della sua forma a cuore, con vista dall’alto). Per le analisi delle acque lungo il suo perimetro sono stati individuati 5 punti di prelievo: 3 ricadono nell’ambito territoriale del comune di Villalago (Aq) e 2 in quello di Scanno. Sulla base dei dati analitici del quadriennio 2015-2018, la Regione Abruzzo ha classificato le acque del lago di Scanno come “eccellenti” e per la prima volta, quest’anno, la spiaggia di Villalago si è aggiudicata la Bandiera Blu della Fee (Foundation for Environmental Education), insieme a quella di Scanno, già premiata nel 2018.

I criteri per assegnare l’ambito vessillo alle località costiere europee tengono conto delle attività di informazione al pubblico e di educazione ambientale, della corretta gestione ambientale, dei servizi offerti e delle misure di sicurezza per la tutela dei bagnanti. Sono poi valutati alcuni parametri relativi alla qualità delle acque: la spiaggia deve rispettare i requisiti di campionamento e frequenza relativamente alla qualità delle acque di balneazione, nonché gli standard e i requisiti di analisi relativamente alla qualità delle acque di balneazione; nessuno scarico di acque reflue, né urbane né industriali, deve interessare l’area; la spiaggia deve avere conformità con i valori, previsti dalla direttiva sulle acque di balneazione.

E' quello di Barrea ad aver raggiunto, di recente, un bel traguardo: lago artificiale con sbarramento del fiume Sangro ai piedi di Barrea da quest’estate vi è consentito nuotare. Situato nel cuore del Parco Nazionale d’Abruzzo Lazio e Molise, oltre a Barrea, il lago bagna anche i comuni di Civitella Alfedena (Aq) e Villetta Barrea (Aq). I punti di campionamento individuati per la balneazione sono 3: nelle località La Gravara, Convento e nell’area antistante il campeggio Colle Ciglio, tutti ricadenti sul territorio comunale di Barrea. Nelle restanti aree, comprese quelle ricadenti nei centri di Civitella Alfedena e Villetta Barrea, persiste il divieto di balneazione.

Alessandro Di Matteo

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 453

Condividi l'Articolo