Palasport Lanciano? 'E' il palaFindus...'. Nazionale di basket e pubblico al gelo
GUARDA LE FOTO

Gelo più completo al palazzetto dello sport di Lanciano (Ch). Gelo che, per tre giorni, ha accolto la Nazionale maschile di basket in carrozzina che, dal 27 a ieri, è stata ospite dell'Azzurra Basket di Lanciano che festeggia, nel 2019, i primi 35 anni di attività.

I vertici dell'Azzurra hanno ripetutamente sollecitato il Comune ad intervenire e a riparare il riscaldamento, che, durante la permanenza degli azzurri, non ha mai funzionato. Sul posto i tecnici, inviati dall'amministrazione, ma la struttura sportiva è rimasta ... ghiacciata. Tanto che il coach della Nazionale, Carlo Di Giusto, parlando con i giornalisti, l'ha definito... "palaFindus", con riferimento alla nota azienda di surgelati.

"Si è rotta una pompa della caldaia...", è stato il refrain. Ma il guasto, nonostante i vari tentativi, non è stato riparato. E così atleti, bimbi e spettatori hanno sofferto il freddo. Intizirriti. Ancora di più a causa del fatto che invece di aria calda, dai bocchettoni usciva aria gelida. Diversi giocatori e gli allenatori azzurri sono stati costretti ad indossare, in campo, giacconi e felpe per non battere i denti.  Insomma sono stati momenti... da brivido. 

"Una vergogna - dicono alcuni genitori che hanno portato i figli a vedere la Nazionale -. Disagi e figuraccia...". Eppure da oltre un mese in Comune sapevano della manifestazione sportiva e avevano assicurato che non ci sarebbe stato alcun problema. 

"L'increscioso guasto - scrive Marco Severo, coordinatore di Articolo Uno Lanciano -Val di Sangro - non rende onore ad una città sempre attenta allo sport, né tantomeno ad una amministrazione che sta investendo in nuovi impianti. Nei giorni scorsi si è appunto discusso di fondi destinati o da destinare a nuovi campi da calcio, come il "Di Meco". E' giusto  - prosegue - che una città come Lanciano abbia cura di tutte le sue strutture sportive, in particolar modo del palazzetto dello sport e della pista di atletica che ogni giorno ospitano centinaia di atleti che praticano decine di sport differenti. Non esistono sport che abbiano una dignità superiore ad altri, sport di serie A o B,  tutti sono fondamentali per la crescita dell’individuo". 

@RIPRODUZIONE VIETATA

Nella foto allenatori e giocatori in campo con giacconi e felpe

 

totale visualizzazioni: 1569

Condividi l'Articolo