C'è un nuovo tentativo da parte dell'Istituto superiore comprensivo “De Titta-Fermi” per l'apertura del Liceo musicale. La domanda è stata inviata al Distretto scolastico provinciale, dovrà nei prossimi giorni essere valutata, ed eventualmente approvata, dalla Conferenza provinciale di organizzazione (Cpo).
Quest'anno l'istituto, la cui dirigente è Daniela Rollo, ha messo in campo tutto il potenziale formativo necessario per trovare favorevole accoglimento alla richiesta: ha avviato un corso pomeridiano facoltativo di didattica dello strumento musicale e di canto moderno e lirico, oltre al tradizionale laboratorio teatrale e musicale che si tiene da sempre. Lo scorso anno fra intoppi e burocrazia la stessa richiesta fu bocciata.

Ora si cambia... musica. Infatti l'offerta formativa nella scuola è aumentata perché “sono state attivate dal corrente anno, in una classe prima del Liceo di scienze umane, oltre le 27 ore settimanali ministeriali, anche due ore curricolari di musica (storia della musica e solfeggio) al mattino, con una docente interna alla scuola, quale disciplina di studio. In più, la scuola, oltre alla tradizione musicale, dispone di validi strumenti, quali 4 pianoforti, 4 tastiere elettriche, batterie, chitarre e altre attrezzature” si legge in una nota dell'istituto. Per i docenti esterni il “De Titta-Fermi” potrà contare sulla collaborazione dell'Accademia Musicale Frentana.
Nessun problema neanche per ciò che riguarda gli spazi, la scuola, per l'indirizzo musicale, infatti ne dispone, di ampi ed adeguati. 
7 novembre 2018

Alessandro Di Matteo 
totale visualizzazioni: 836

Condividi l'Articolo

Articoli correlati