Lanciano. Ecco 'GoOn', l'albero di Natale (che albero non è) firmato da architetti e ingegneri
GUARDA LE FOTO

Un albero di Natale che albero non è... Un'installazione artistica multisensoriale che rimanda al tema della crisi climatica e del corretto utilizzo delle risorse ambientali animerà invece piazza Plebiscito a Lanciano (Ch) nelle imminenti festività. E' #Goon il suo nome.

Tre i progetti che hanno partecipato al concorso di idee per la realizzazione di un albero di Natale ecosostenibile. Sono stati presentati dall'associazione "Scoglio del gabbiano" di Rocca San Giovanni (Ch), dall'associazione "Baciami piccina" di Lanciano e da Dnp Ingegneri-Architettura che, stando ai voti della commissione, hanno sbaragliato la concorrenza. Il progetto vincitore è stato presentato questa mattina in municipio alla presenza dell'ingegnere e architetto Pierluigi Di Nola, che ha ideato #Goon in collaborazione con l'ingegnere strutturista Alessandro Geniola e l'architetto Rosa Puntillo, degli sponsor che supportano l'iniziativa, del sindaco Mario Pupillo e dell'assessore alla Cultura, Marusca Miscia.

#GoOn è un'installazione in forma di parallelepipedo, di altezza 10 metri e larga 8x8 metri, con una struttura portante in alluminio che sorreggerà dei teli bianchi di polietilene, la plastica resistente da imballaggi, che saranno tagliati fino a formare un vuoto all'interno che rappresenterà l'albero. Il materiale è stato appositamente prodotto dalla ditta Artigian Plastic utilizzando plastica rigenerata che sarà riutilizzata al termine del progetto per realizzare delle borse da donare agli studenti e ai cittadini di Lanciano. L'installazione sarà illuminata a led dal bianco candido all'azzurro ghiaccio e presenterà all'interno un sistema audio che riprodurrà la "voce" dei ghiacciai che si sciolgono.

"#GoOn è un albero che non esiste, un vuoto, un'assenza che vuole far riflettere, è tutto ciò che dovremmo costruire intorno ad un simbolo, intorno ad un'idea, ad un desiderio o intorno ai nostri sogni in generale – spiegato Di Nola - ed è proprio da qui che nasce il suo nome: mischiando le parole sono e sogno, estrapolando la G come la lettera di differenza, ci siamo accorti di avere di fronte un verbo inglese, go on!, andare avanti, guardare oltre.

#GoOn è da vivere dentro, come se fossimo all'interno di una grotta o di un iceberg solcato dall'acqua. Il concept che dà forma alla istallazione prende spunto dal contesto architettonico di piazza Plebiscito: i cubi che disegnano la torre civica, il municipio, gli altri edifici, il portone d'ingresso della cattedrale Madonna del Ponte, la serialità degli archi presenti in via Sotto la Torre. Sono tutti elementi che si richiamano a vicenda e che ritroviamo nelle forme compositive del nostro volume: il gioco che ci siamo concessi è quello di sovrapposizioni e sottrazioni. Al cubo è stato sottratto il cono che metaforicamente rappresenta l'albero".

"Esso - viene aggiunto - vuole sensibilizzare, vuole ricordare e rafforzare l'importanza della natura e dell'ambiente, andando a toccare un tema importante come quello quello del rispetto del nostro Pianeta. Sarà anche uno spazio pubblico di aggregazione e di partecipazione, dentro il quale ci si potrà incontrare e condividere idee e progetti. Potrà ospitare iniziative artistiche o anche religiose, diventando una sorta di palcoscenico per attività culturali di qualsiasi genere, dalla poesia alla musica. L'anima del progetto è proprio la scelta del materiale con cui verrà realizzato: sarà polietilene ricilato che verrà a sua volta riciclato al 100% dopo il suo smontaggio. Questi nastri di plastica bianca saranno sospesi dall'alto, liberi di muoversi e di essere attraversati per quella che sarà una piazza nella piazza dove si potrà vivere un'esperienza unica. E' un albero diverso, un oggetto leggero, mutevole e dinamico". 

"Credo che in un periodo storico come questo, sia giusto e doveroso legare il concetto di bellezza a valori forti e irrinunciabili, che "portino avanti" la comunità verso un orizzonte comune, che la lanci verso una sfida di fronte alla quale nessuno può tirarsi indietro: la difesa dell’ambiente, la nostra casa, la nostra vita. Questa proposta è fortemente innovativa e ci ha colpito il messaggio finale che l’opera intende divulgare", commenta l'assessore Miscia.

L'installazione sarà accesa sabato 7 dicembre alle 18.30 in piazza Plebiscito, dove resterà fino all'8 gennaio prossimo.

@RIPRODUZIONE VIETATA

Guarda il VIDEO di presentazione

totale visualizzazioni: 6376

Condividi l'Articolo