Lanciano. Approvato il bilancio Ecolan. Resta accesa polemica su ampliamento discarica Cerratina
GUARDA LE FOTO

Sale sempre più il fatturato della Eco.Lan Spa, la public company che cura la raccolta rifiuti in 67 Comuni soci ed è pronta ad accogliere a luglio anche Fresagrandinaria, Roccaspinalveti, Lentella e Monteodorisio, nel Chietino. E siamo a 71.

Ieri bilancio 2019 in discussione per l’approvazione a Lancianofiera dall’assemblea dei sindaci. In un anno il volume d’affari è cresciuto di 3 milioni di euro, assestandosi a 22 milioni e 169 mila euro, che ha portato a 250 mila euro di guadagno prima delle imposte, per giungere a 90 mila euro di utili. La corazzata Eco.Lan conta circa 300 dipendenti e quasi 200 mezzi, con raccolta differenziata che ha fatto schizzare molti Comuni ai vertici della classifica regionale e nazionale.

"Abbiamo approvato all'unanimità in modo bipartisan - dice il sindaco di Lanciano, Mario Pupillo - il bilancio di Ecolan, che essendo una società di Comuni girerà ai cittadini gli utili incassati. In altri tempi, c'erano solo debiti e debiti, che la collettività doveva pagare attraverso tariffe più alte e meno servizi. Abbiamo confermato con un autentico plebiscito il presidente del cda Massimo Ranieri, a riprova semmai ce ne fosse bisogno della grande rivoluzione societaria e ambientale operata dalla EcoLan in questi anni e generata da un voto nel consiglio comunale di Lanciano della nostra precedente amministrazione. Ecolan è un modello virtuoso, un caso positivo nazionale, un modello cui altri territori e altre comunità guardano con interesse, una risorsa". 

La raccolta spinta è una delle scelte che molti vorrebbero per evitare il contestato ampliamento della discarica consortile di Cerratina di Lanciano, che sarà colma fra tre anni e mezzo. Così qualcuno grida al rischio emergenza. Ma venerdì scorso il terremoto politico è andato in scena al Consiglio comunale di Lanciano dove è passata la mozione presentata dai gruppi di maggioranza Progetto Lanciano e  Insieme@sinistra, contrari, come l’opposizione, a ciò che può ipotizzarsi come la realizzazione di una nuova discarica confinante con Cerratina, nell’ex cava Saraceni.

Il gestore Ecologica Sangro ha preso 7 ettari di terreno che porterebbero a 36 l’invaso complessivo. Sull’ampliamento non c’è alcun progetto di fattibilità al momento ma solo discussioni e documenti per l'esproprio, e tanto basta perché gli animi restino accesi. Lo stesso presidente di Eco.Lan, Massimo Ranieri, nelle sue comunicazioni, ribadisce: "Non si tratta di una nuova discarica e tutto sarà deciso dall’assemblea dei sindaci e Regione. Non c’è alcun progetto - chiarisce Ranieri -. La discarica, che è ben gestita e non inquina, è in esaurimento e bisogna prevedere il futuro". Il che vuol dire pure eventuali costi maggiorati per i comuni e di riflesso sulle bollette.

Pupillo, che conserva la fiducia politica, ha sempre detto: "Voglio scegliere in scienza e coscienza dopo aver valutato il progetto, che resta un’ipotesi, con approfondimento e senza pregiudizi". Dall’opposizione i consiglieri Tonia Paolucci, Riccardo Di Nola, Graziella Di Campli, Angelo Palmieri, Errico D'Amico puntano il dito contro di lui e dicono: "Il raddoppio della discarica non è un affare interno al Pd.  Il sindaco aveva il dovere morale, etico ed istituzionale di discuterne in consiglio e non nella sezione di partito. Invece di arrampicarsi sugli specchi, con spiegazioni smentite dai documenti, ne prenda atto e si dimetta".

Walter Berghella

@RIPRODUZIONE VIETATA

Foto Andrea Franco Colacioppo

totale visualizzazioni: 475

Condividi l'Articolo