Coronavirus. Abruzzo. 'Rientri dal Nord? Quarantena obbligatoria'

Rienti dal Nord? Finisci in quarantena. L’ha deciso il governatore dell’Abruzzo, Marco Marsilio.

"Abbiamo il dovere di tutelare la salute dei cittadini, e per questa ragione - dice il presidente - ho dato disposizione agli uffici di predisporre un’ordinanza che a causa del mio momentaneo impedimento reca la firma del vice presidente della Giunta, Emanuele Imprudente, che impone la quarantena a tutti quanti rientrano in Abruzzo dalle zone elencate all’articolo 1 del nuovo Decreto del Governo". Le aree in questione, dove vigono particolari misure per il contenimento del contagio, sono la regione Lombardia e le province di Modena, Parma, Piacenza, Reggio Emilia, Rimini, Pesaro e Urbino, Alessandria, Asi, Novara, Verbano-Cusio-Ossola, Vercelli, Padova, Treviso e Venezia. 

"La situazione - continua Marsilio - è delicata e richiede collaborazione. È un’ordinanza di difficile applicazione e di altrettanto difficile monitoraggio se non sarà accompagnata da una vasta e coscienziosa collaborazione dei diretti interessati e delle loro famiglie: per questo, rivolgo un appello accorato a tutti perché adottino misure di cautela e comportamenti rispettosi di se stessi e del prossimo".

Il provvedimento si è reso necessario a seguito del decreto del presidente del Consiglio., Giuseppe Conte, che sta provocando un esodo "biblico" dal Nord Italia verso il Sud. E il comportamento da tanti adottato al Nord è da irresponsabili: "Quanti stanno "fuggendo" dalle "zone rosse" stanno facendo esattamente il contrario di quanto dovrebbero fare, mettendo a rischio la salute dei loro cari e di tutti. Se proprio non sono in tempo per fermarsi e tornare indietro, abbiano almeno il senso civico e la coscienza di restare a casa in isolamento per due settimane".

Per attuare più concretamente il provvedimento Marsilio ha interessato anche la Protezione civile: "Da questa notte ho dato disposizioni di inviare squadre di volontari presso le principali stazioni ferroviarie e terminal bus per "intercettare" gli arrivi da Nord, distribuire il "decalogo" dei comportamenti virtuosi di contenimento del virus e invitare tutti all’isolamento volontario. Dalle 3 di questa mattina i volontari stanno facendo questa opera preziosa di informazione e sensibilizzazione".

Critico come altri governatori sul testo del Governo non ancora comunque pubblicato in Gazzetta Ufficiale: "La lettura del decreto del premier, oggi pubblicato sul sito del Governo, mostra che non esiste alcun "divieto" di spostamento dalla Lombardia e dalle province elencate all’articolo 1, ma solo un invito a "evitare" gli spostamenti non necessari. Un testo diramato in bozza con ore e ore di anticipo: non poteva che provocare le conseguenze che si stanno avendo".

Intanto salgono a 17 i casi di contagio in Abruzzo. Si tratta di una ragazza pugliese. 

Alessandro Di Matteo

@RIPRODUZIONE RISERVATA

totale visualizzazioni: 2115

Condividi l'Articolo