Coronavirus. Abruzzo. Appello dalla Regione: 'Donate mascherine, camici e tute'

Mancano mascherine, tute e camici. Situazione delicata nei presidi ospedalieri della Regione. E parte l’appello del govenatore della Regione, Marco Marslio, e dell’assessore alla Sanità, Nicoletta Verì: “Donate al sistema sanitario regionale tutti i dispositivi di protezione individuale che attualmente si stanno utilizzando, come tute, camici e mascherine”. L’appello è rivolto ad aziende, privati e laboratori.  

Quel che si sta facendo non basta: infatti, la Protezione civile ha attivato tutte le procedure per l’approvvigionamento di questi materiali, ricorrendo anche alle modalità d’urgenza previste dalla normativa. Tuttavia “le forniture vengono assicurate con quantità contingentate, in quanto i produttori non sempre riescono a far fronte a tutte le richieste che arrivano da ogni parte d’Italia. Come è noto, inoltre, molti Paesi hanno bloccato l’esportazione dei dispositivi, obbligando al ricorso esclusivo al mercato interno”. E l’Abruzzo non può attendere né perdere giorni preziosi: “La situazione – hanno spiegato Marsilio e la Verì – è ancora attualmente sotto controllo, ma l’aumento degli ultimi giorni del numero dei contagi ci impone di ricorrere a ogni canale di rifornimento per scongiurare di ritrovarci in serie difficoltà”. Prevenzione. Lungimiranza.

I materiali che possono essere donati sono:

- tute DPI di III categoria (tipo 3-4-5-6) – monouso, non riutilizzabili, con cappuccio e zip – con certificazione di rischio chimico e infettivo;

-   camici DPI di III categoria – monouso e non riutilizzabili - con certificazione di rischio chimico e infettivo;

-   mascherine tipo FFP2.

Per le donazioni dei DPI è possibile rivolgersi ai seguenti recapiti telefonici della Protezione civile regionale: 800861016 – 3475078104 – 3484761897

La Regione Abruzzo, alla luce dell'emergenza Covid-19, ha ritenuto di mettere a disposizione dei cittadini un conto corrente bancario dedicato a quanti volessero contribuire, a titolo di solidarietà, con donazioni o liberalità a supporto del sistema sanitario che sta gestendo l'emergenza.

Il codice Iban è il seguente: IT 48 V 05387 12917 000000040300.

Alessandro Di Matteo

@RIPRODUZIONE RISERVATA

totale visualizzazioni: 1255

Condividi l'Articolo