Coronavirus. 'Stiamo uniti'. E a Paglieta ogni mezzodì suonano le campane

Nei giorni di pandemia da Covid 19, fra bollettini di morti e contagiati, da Paglieta (Ch), "per ricordare la comune appartenenza al popolo di Dio", parte l'idea di suonare le campane.

"Insieme con tutta la comunità - dice il parroco di Santa Maria dell’Assunta, don Domenico Larcinese - per sentire la voce comune antica, in questo momento così difficile, ogni giorno, alle 12, quando splende il sole in maniera da vincere le tenebre, suoniamo per pochissimi secondi la campana grande... per sentirci in comunione e sentire che Dio è presente, crocifisso con noi per portarci alla Risurrezione... La campana è la nostra unica voce che grida a Dio di non dimenticarci e soprattutto di sostenere il fronte della sanità dove, come ogni guerra, tutti noi abbiamo i nostri familiari che rischiano in maniera evidente la salute per difenderci e assisterci".

Linda Caravaggio

RIPRODUZIONE RISERVATA

totale visualizzazioni: 2831

Condividi l'Articolo