Stato di agitazione al supercarcere di Lanciano (Ch): è stato proclamato dai sindacati di polizia penitenziaria Sappe, Osapp, Uil, Sinappe, Cisl, Cnpp e Cosp riguardo ai problemi legati alla mancanza di personale, alla sicurezza e ad una migliore "organizzazione del lavoro, con turni adeguati alle normative vigenti". "Il primo maggio scroso - spiegano in un documento - abbiamo iniziato una sperimentazione che avrebbe dovuto apportare i richiesti benefici agli agenti in servizio e la giusta organizzazione della casa circondariale di Lanciano che, giova ricordarlo, deve contemperare le esigenze di sicurezza, le esigenze trattamentali ed ovviamente i diritti di quanti vi operano. Purtroppo le nostre recriminazioni ed i dubbi che avevamo fortemente rappresentato, con la protesta dei primi
mesi dell’anno, si sono palesati il 2 maggio con il sostanziale fallimento del nuovo assetto dell’istituto. La sicurezza è risultata da subito grandemente compromessa: i 4 o 5 agenti inviati temporaneamente a supporto dell’apertura del nuovo reparto, che accoglie 46 detenuti, si sono rivelati del tutto insufficienti; i turni di lavoro sono passati da 6 a 8, 9 o più ore i periodi di ferie richieste non sono stati accolti o accolti solo parzialmente e perfino il riposo settimanale è stato in alcuni casi sacrificato. Alle nostre rimostranze l'amministrazione ha contrapposto, adesso, i motivi di sicurezza, affermando che, dal 1 giugno, tutti i posti di servizio dell’istituto sarebbero passati dalle prescritte 6 ore a 8 ore di servizio".
Le organizzazioni sindacali chiedono un immediato intervento al Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria per ripristinare il rispetto del contratto di lavoro nell'istituto di pena di località Villa Stanazza. 

"Tra gli interventi urgenti - fanno presente le organizzazioni sindacali - sono assolutamente imprescindibili l'invio immediato di personale in missione o distacco necessario alla gestione dell'emergenza, la revisione dell'attuale pianta organica, del tutto inadeguata alle reali necessità dell'istituto e l'implementazione dei sistemi di video sorveglianza e automazione".
30 maggio 2018

@RIPRODUZIONE VIETATA

Condividi l'Articolo

Articoli correlati