Abruzzolive.tv

In evidenza

Trivelle in Adriatico. Il Consiglio di Stato da' ragione a Spectrum: a rischio 30mila kmq di mare

Assalto trivelle all’Adriatico. Il Consiglio di Stato ha rigettato i ricorsi presentati in appello dalle Regioni - Abruzzo e Puglia - e da enti locali contro i due permessi di ricerca di gas e petrolio rilasciati alla società inglese Spectrum Geo. “I progetti di prospezione per la ricerca di idrocarburi -  ricorda Enzo Di Salvatore, costituzionalista e del coordinamento nazionale No Triv - riguardano aree immense, collocate nel Mare Adriatico centrale e meridionale, davanti alle coste di Emilia-Romagna, Marche, Abruzzo, Molise e Puglia ed hanno un'estensione di 13.700 chilometri quadrati, da Rimini a Termoli, e di  16.210 kmq, da Rodi Garganico a Santa Cesarea Terme”. 

Le sentenze sono tre, tutte della quarta sezione del Consiglio di Stato: le prime due, del 28 febbraio, riguardano altrettanti ricorsi, analoghi, inoltrati dalla Regione Abruzzo, con la Puglia giunta in sostegno; la terza, dell'8 marzo, è relativa a un'istanza inoltrata dalla provincia di Teramo e da una serie di Comuni litoranei dell'Abruzzo. Controparti il ministero dell'Ambiente, quello dello Sviluppo economico e quello dei Beni culturali. Negli atti si contestano le procedure seguite dai ministeri competenti: dal limite dell’area interessata alla mancata Valutazione ambientale stragetica. Ma si lamenta anche il mancato coinvolgimento nel procedimento di Via degli enti locali prospicienti, in particolare di quelli che distano meno di 12 miglia marine dalle aree toccate dai permessi di prospezione. Motivi considerati infondati dai giudici e in parte inammissibili e  “generici”. D'altro canto “i confini dell'area oggetto dell’attività di prospezione” sono stati ritenuti “allineati con la fascia di rispetto indicati  dal decreto legislativo numero 152 del 3 aprile 2006” e “l'istruttoria svolta dai Ministeri appellati appare nel complesso completa, articolata e rispettosa dell'iter normativo nella sua interezza”. Già il Tar nel luglio del 2016 aveva bocciato i ricorsi. Le azioni giudiziarie, avviate nel tentativo di bloccare quest'aggressione all'Adriatico, vanno avanti dal 2011.

Settecento chilometri di costa, da Rimini a Santa Maria di Leuca, per un area di 30.000 Km2, rischia di essere scandagliata con l’air-gun, tecnica di sondaggio geofisico per ispezionare i fondali marini, basata sul rilascio in acqua di fortissimi spari di aria compressa, a distanza di pochi minuti l’uno dall’altro. Una pratica devastante per l'ecosistema acquatico, per cetacei e pesci, come acclarato da ricerche scientifiche di livello internazionale.

L’Adriatico, il mare più pescoso del Mediterraneo, si trova quindi alle prese con il progetto di una grande multi-client, la Spectrum Geo, che intende “valorizzare nuovi bacini sedimentari e rivalutare quelli già oggetto di ricerca e produzione di idrocarburi al fine di fornire dati aggiornati a multinazionali e società interessate”. 
“L'air gun, pratica che va per la maggiore, - sostiene Stelio Mangiameli, uno dei legali che ha rappresentato la Regione Puglia - provoca sommovimenti che a loro volta determinano dei suoni grazie ai quali è possibile verificare la presenza di idrocarburi. Ma allo stesso tempo distrugge il plancton e crea nella zona una temporanea crisi ittica. Ora esistono metodiche che invece sono in grado di sfruttare rumori già esistenti, per esempio quelli prodotti da una linea ferroviaria, con un impatto inferiore sull'ambiente”.

“Non c'è da gioire per questo risultato – afferma Mario Mazzocca, sottosegretario alla Regione Abruzzo con delega all'Ambiente -, ma non è che domani la società può mettersi all'opera. Perché – spiega – va ricordato che il decreto Calenda o decreto Trivelle è sub iudice, a seguito di nostri ricorsi. A livello politico c'è da dire che va cambiata la famigerata strategia energetica ora attuata, perché le Regioni non potranno più fermare, con le carte bollate, scelte fatte a livello statale”. 

“E' appena il caso di ricordare - dichiara invece il coordinamento Trivelle Zero Molise - la dimostrata interazione delle indagini sismiche con la pesca, con diminuzione del pescato fino al 50% intorno a una sorgente sonora che utilizza airgun. Questa decisione, che giunge inattesa e inappropriata in un momento di grande incertezza politica, legata alle difficoltà di formare un governo stabile, non può che aprire scenari estremamente negativi. I territori hanno il diritto di scegliere il proprio futuro”. 

09 marzo 2018

Serena Giannico

@RIPRODUZIONE VIETATA

Numero visite 2203

Commenti

Servizi correlati

VIDEO. Greenpeace al largo di Pescara: ' ...
VIDEO. Legambiente, flash mob in spiaggi ...
VIDEO. Ombrina Mare, con un brindisi l'a ...
VIDEO. No trivelle? Si' al referendum... ...
Referendum no trivelle. Il 17 aprile vot ...
VIDEO. Pineto non molla e vince: 'Quelle ...
VIDEO live. 'No Ombrina', il Capodanno i ...
VIDEO. Ombrina Mare addio... Saluti dall ...
VIDEO. No Ombrina. Operatori turistici: ...
VIDEO. No Ombrina, Governo impugna legge ...
VIDEO. Non si trivella... No Ombrina: la ...
VIDEO. Ombrina Mare, Di Stefano (Forza I ...
VIDEO. Ombrina, tutti contro la Regione
VIDEO. Si' del ministero ad Ombrina: sde ...
VIDEO. Ombrina Mare, tutti indignati in ...
VIDEO. Ombrina Mare, il Wwf ricorre al T ...
VIDEO: 'Ombrina mare': il 9 novembre a R ...
VIDEO. 'Assalto' al ministero contro Omb ...
VIDEO. Lanciano, 'No Ombrina': area mari ...
VIDEO. No petrolio. 'Subito referendum n ...
'Cara moglia' - L'emigrazione negli Stat ...
Vinitaly 2013- La Cantina Frentana: 'La ...
VIDEO. Che tempo fa in Abruzzo. Pasqua e ...
Emergenza rifiuti a Pescara, Cupello pro ...
Tra magia e poesia, 'L'illusionista' al ...
San Pietro Avellana, arriva la Transiber ...
Ferrovie - Isernia, recuperare la tratta ...
Acqua, dall'Abruzzo al Forum di Marsigli ...
Donne e impresa: ecco le nuove opportuni ...
Scout da tutta Italia a Lanciano per par ...
Pescara, la Finanza scopre 180 milioni d ...
Riserve naturali d'Abruzzo a rischio, l' ...
Ecco che tempo fa in Abruzzo. Le previsi ...
Crolla palco per concerto Pausini, un mo ...
No del Consiglio comunale di Bomba alla ...
'Centrale idroelettrica sull'Aventino, 1 ...
Ecco la protesta No Tav a Pescara
Immigrati contro le nuove tasse
Turismo, opportunita' per le imprese di ...

Articoli correlati

Ombrina Mare, Rockhopper vuole 275 milio ...
Pescara. Blitz di Greenpeace in Adriatic ...
Trivelle in Adriatico. Flash mob in cinq ...
Petrolio. Prorogata la concessione per R ...
Trivelle. Addio definitivo ad Ombrina Ma ...
Trivelle, territori esclusi da decisioni ...
Trivelle. Consiglio di Stato boccia 'Col ...
Ombrina Mare, Rockhopper chiede all'Ital ...
Trivelle entro le 12 miglia dalla costa: ...
No Triv: 'Il Mise revochi permessi ricer ...
Il ministero sblocca le trivelle entro l ...
Petrolio. Nuovo pozzo in Molise nel com ...
Ombrina Mare, Rockhopper avvia arbitrato ...
Ombrina Mare, Rockhopper punta a risarci ...
Petrolio. 'L'airgun? Fa male ai pesci di ...
Petrolio, Ombrina Mare. Wwf e Legambient ...
Petrolio. Ombrina Mare... Rockhopper di ...
Petrolio, Stazione ornitologica a minist ...
No trivelle. 'Salvare l'Adriatico dall'a ...
Ombrina Mare chiusa. 'E ci hanno speso ...
Trivelle in Adriatico. Quel permesso 'im ...
Festa nazionale dell'Agricoltura tra L'A ...
Chieti, online il dizionario di commerci ...
Abruzzo, tutti pazzi...per la pizza. 'Ch ...
Abruzzo, in aumento finanziamenti per ac ...
Casartigiani presenta la 'Festa del fale ...
'Basta con autorizzazioni a trivelle': C ...
Ama2015, da tutta Europa alla scoperta d ...
No trivelle, dopo Legge stabilita' Cassa ...
Inceneritori, l'Abruzzo dice no. Nuovo s ...
Terremoto, sono 131 i comuni del cratere ...
Terremoto, agricoltori e allevatori a Mo ...
Ladri di monete nei parcometri di mezza ...
Terremoto. Ecco 'Spicchi solidali' la pi ...
Assunzioni clientelari all'Aca: al via i ...
Gli studi del Cresa rivelano che il sett ...
Fiera di Lanciano: il Consiglio decide d ...
Inizia il caos rifiuti nella provincia d ...
Editrice "Cenere di rosa" P. Iva 02140060696 - Testata giornalistica registrata al Tribunale di Lanciano n. 183 del 23.10.2008
Abruzzolive.tv - Vico 2 Ravizza, n° 15 - 66034 Lanciano (Chieti)
Redazione studi televisivi - Contrada Severini, n° 2 - 66030 Treglio (Chieti)
Tel. e Fax 0872.716346 (Cell. 389.9632577) - Pubblicità 0872.716346
Direttore responsabile: Serena Giannico
Direttore editoriale, Responsabile marketing: Massimiliano dott. Brutti
All rights reserved - redazione@abruzzolive.tv

Sito realizzato da Davide Luciani in collaborazione con EM Technology